Bergoglio eversivo, smettiamo di dire ‘nostra’ gente

Condividi!

“Il Signore è ostinato nel ripetere questo tutti. Sa che noi siamo testardi – ha detto il Papa – nel ripetere ‘mio’ e ‘nostro’: le mie cose, la nostra gente, la nostra comunità…, e Lui non si stanca di ripetere: ‘tutti’. Tutti, perché nessuno è escluso dal suo cuore, dalla sua salvezza; tutti, perché il nostro cuore vada oltre le dogane umane, oltre i particolarismi fondati sugli egoismi che non piacciono a Dio”.
Occorre “salire” per “compiere un esodo dal proprio io”. E’ l’invito del Papa che però chiede: “La mia strada è in salita o in arrampicamento?”. Nell’omelia della messa dedicata ai missionari il pontefice ha anche ribadito che si evangelizza “non conquistando, obbligando, facendo proseliti, ma testimoniando”.

Invidiabile uno convinto di sapere cosa piace o non piace a Dio. Ma nelle parole di Bergoglio c’è eversione e ‘comunismo’ dei sentimenti e dei valori, che è poi un processo insito nella globalizzazione e nell’economia dello ‘sharing’ che vi prepara all’etica del non possesso e quindi dell’indifferenza.

Jahveh era un Dio profondamente geloso Bergoglio.

Che poi, Bergoglio, se “nostro” non va bene, allora distribuisci il patrimonio della Chiesa ai fedeli…




Un pensiero su “Bergoglio eversivo, smettiamo di dire ‘nostra’ gente”

Lascia un commento