Sugar Tax, Fioramonti vuole educarci al “consumo responsabile”

Condividi!

“La sugar tax e’ indispensabile come elemento fiscale innovativo che per indurre consumi responsabili. Noi, come le economie avanzate, dobbiamo andare sempre di piu’ verso un sistema fiscale che aiuti anche il consumatore a fare scelte responsabili sulla salute e sull’ambiente. Inoltre, genera risorse di cui abbiamo bisogno per sostenere ricerca, scuola e innovazione. Abbiamo bisogno di una manovra espansiva che utilizzi anche il sistema fiscale come leva di cambiamento”. Cosi’ a Matera, il ministro dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca, Lorenzo Fioramonti, a margine di un’iniziativa organizzata con docenti e studenti in una scuola della citta’.

Questo bizzarro personaggio è stato troppo all’estero. Pensa che l’Italia abbia il problema americano: non lo abbiamo. E comunque sono cazzi nostri se vogliamo essere ‘irresponsabili’: invece qui abbiamo uno Stato che ti vuole ‘educare’ al “consumo responsabile” e poi fa la cresta su sigarette e gioco d’azzardo. Per non parlare della truffa legalizzata del Superenalotto.




Un pensiero su “Sugar Tax, Fioramonti vuole educarci al “consumo responsabile””

  1. Ricordo la moglie di naso e il CV gonfiato.
    E comunque mi sembra che le merendine non le tassino. Per quanto mi riguarda la coca cola potrebbe anche esplodere in questo momento, ma se proprio gli sta a cuore la nostra salute si faccia un giro negli stabilimenti che producono cibo “industriale” o magari proibisca la vendita di pesciacci tipo il pangasio.
    Sicuramente lo zucchero raffinato è una delle sostanze peggiori a cui siamo esposti, in ogni caso questo tizio non sparirà mai troppo in fretta.

Lascia un commento