Governo spalanca i porti, stop respingimenti in Libia – Minniti: “Sarà invasione terroristi”

Condividi!

Il governo del ribaltone sta per spalancare le porte dell’inferno. Il 2 novembre scade l’accordo di collaborazione e finanziamento con la Guardia Costiera libica.

L’eventuale stop all’accordo siglato da Minniti con Tripoli e poi ulteriormente stretto da Salvini, che ha di fatto affidato, con grandi risultati, il respingimento dei clandestini ad un blocco navale italo-libico con motovedette italiane e personale locale addestrato dai nostri militari, sarebbe una catastrofe. Si tornerebbe ai quasi 200mila clandestini che sbarcano in un anno: è quello che vogliono le coop che finanziano il PD.

Lia Quartapelle, capogruppo del Pd in commissione affari esteri, ha fatto sapere che il governo è pronto a presentare, nello schema di bilancio, l’azzeramento dei fondi per le missioni in Libia:

Guardia Costiera libica ferma troppi clandestini: PD-M5s tagliano fondi!

“Il rinnovo dell’accordo sui migranti tra Roma e Tripoli sarà nell’interesse dell’Italia che è la più colpita dall’immigrazione – ha dichiarato Ayoub Qassem, portavoce della Guardia Costiera libica – e avvantaggerà anche la Libia, in particolare la Guardia costiera, che sta compiendo uno sforzo enorme in questa direzione e con possibilità limitate”.

“La controparte italiana – ha continuato Qassem, come si legge sull’Agi – è consapevole delle nostre esigenze e conosce le sfide che dobbiamo affrontare, serve maggiore volontà. Così come noi conosciamo le sfide che affronta l’Italia e speriamo che la cooperazione possa continuare ed evolversi”.

In questo contesto va visto anche l’agguato contro l’accordo dell’apparato che è riconducibile al Vaticano. Che come il PD ha tutto l’interesse, economico e sessuale a riaprire il traffico di giovani maschi afroislamici.

Parliamo dello ‘scoop’ del giornale dei vescovi Avvenire nel caso Bija. L’ex trafficante giunto in Italia al tempo di Gentiloni per trattare il blocco del traffico di clandestini.

Contro il ritiro dalla collaborazione con Tripoli anche Minniti, che è almeno un essere senziente, anche se non totalmente:

Interessante notare come Minniti, tra le righe, ammetta la collaborazione del suo governo con le ONG.




Lascia un commento