Effetto Salvini: nel 2018 primo calo permessi di soggiorno (-20mila)

Condividi!

Salvini in appena 6 mesi, diventava ministro a giugno, è riuscito già nel 2018 a diminuire gli ingressi globali di 20mila unità.

VERIFICA LA NOTIZIA

Nel 2018 sono stati infatti rilasciati 242.009 nuovi permessi di soggiorno (un numero comunque abnorme), nel 2017 erano 262.770 (il 7,9% in meno). A diminuire sono soprattutto i permessi per richiesta di asilo (-41,9%). E’ l’effetto del crollo degli sbarchi.

Altro impatto, stavolta del decreto Salvini che mette paletti nella concessione, è il calo delle acquisizioni di cittadinanza di immigrati originarie di paesi non Ue, in particolare quelle richieste per residenza sono crollate (-37,2%). Al 1° gennaio 2018 i sedicenti “nuovi italiani” sono comunque 1.345.261. Un esercito ostile.

In testa alla graduatoria di provenienza dei nuovi flussi migratori in ingresso, tornano Albania e Marocco. Diminuiti invece di più del 40% le migrazioni provenienti dalla Nigeria. E’ l’effetto dei porti chiusi che non è piaciuto alla mafia nigeriana.

Questi dati saranno proseguiti anche nel 2019.

In aumento invece gli ingressi dove Salvini non è intervenuto: ricongiungimento familiare (+8,2%). Che poi sono oltre 200mila dei 241mila permessi rilasciati. E’ l’ che dobbiamo intervenire al più presto. E’ così che ci invadono.




Lascia un commento