Rom occupano ospedale: malati di tumore ostaggio dei nomadi – VIDEO

Condividi!

Al Papa Giovanni XXIII di Bergamo, il reparto di oncologia è stato occupato dagli zingari per un mese. Malati di tumore che oltre la sofferenza per la malattia devono anche sorbirsi la presenza dei rom molesti.

VERIFICA LA NOTIZIA

Sono lì da un mese e più. “Fanno il bello e il cattivo tempo”, racconta sconvolta una fonte dell’azienda sanitaria che chiede l’anonimato. “Richiedono prestazioni inutili, alzano la voce, ci minacciano. Una situazione assurda”.

L’incubo inizia a settembre, quando i nomadi si riversano sui divanetti del reparto per stare al fianco di un parente ammalato. Niente di strano, se non fosse per i disagi creati in corsia. “Una roba senza un minimo di igiene – spiega la fonte – Sono venuti anche con i bambini che andavano in giro con bici e monopattini lungo i corridoi”. I dipendenti dell’ospedale all’inizio fanno buon viso a cattivo gioco, poi la situazione “sfugge di mano”. Soprattutto di notte. “Una parte se ne sta nella stanza con il paziente, mentre gli altri si accampano sui divanetti a dormire”. Le regole del nesocomio prevedono, o forse prevederebbero, orari di visita ben precisi: dalle 14 alle 21 nei giorni sia feriali che festivi. Ma le norme a quanto pare non valgono per i rom: “Gli infermieri sono stati costretti più volte a fornire cuscini e lenzuola ai componenti della famiglia che si fermavano per la notte”. Inutile la richiesta di intervento rivolta ai sorveglianti, che in un’occasione si sono limitati a dire ai paramedici di mettersi l’anima in pace perché “conoscete la situazione, non possiamo fare altro”.

Non solo dobbiamo curare gratis i loro malati che non hanno mai pagato una tassa e, di sicuro, non pagano le prestazioni, dobbiamo anche sollazzare decine di loro parenti.




Un pensiero su “Rom occupano ospedale: malati di tumore ostaggio dei nomadi – VIDEO”

  1. E tutto questo grazie ai tanti giudici buonisti e indirizzati.
    Usare la forza per respingerli fuori dall’ospedale e far si che vengano rispettate le normali regole del nosocomio.
    Far intervenire la forza pubblica e farli sloggiare con la forza.
    Per gli ammalati,oltre al danno si aggiunge la beffa di convivere con questa gente e doversi guardare anche da diverse difficoltà.

Lascia un commento