Iniziano a sbarcare i sedicenti ‘curdi’, ne arrivano 25 a Brindisi

Condividi!

Sono sbarcati questa mattina nel porto di Brindisi 25 clandestini iraniani e iracheni, che dichiarano di essere di etnia curda. Imparano presto. Ma comunque: in Iraq e Iran i curdi vivono tranquillamente. In Iraq il Kurdistan è addirittura semi-indipendente.

VERIFICA LA NOTIZIA

Si tratta di 23 uomini e due donne, di cui una incinta. Non manca mai quella incinta. Hanno tutti un’età compresa intorno ai 20 anni. E sono arrivati a bordo di una barca a motore, lunga circa sette metri. Lo scafista, un bastardo italiano, è stato arrestato e andrebbe messo al patibolo.

Dall’imbarcazione, che questa notte si trovava al largo di Brindisi, è stato lanciato l’allarme a causa di un’avaria al motore. Invece di lasciarli al loro giusto destino, per soccorrere gli invasori è intervenuto il reparto operativo aeronavale della Gdf, che questa mattina li ha fatti sbarcare al molo Sant’Apollinare.

Paghiamo militari perché facilitino l’invasione della Patria. E’ un unicum nella storia del mondo.




Un pensiero su “Iniziano a sbarcare i sedicenti ‘curdi’, ne arrivano 25 a Brindisi”

  1. Le inventano tutte pur di arrivare nel paese di Bengodi,dove tutto è gratis per loro,a discapito dei tantissimi bisognosi italiani.
    Si ringrazia tutto il popolo anti italiano: sinistroidi,finti buonisti e accaparratori di denaro facile.

Lascia un commento