Porta a Porta,Salvini col cartello svergogna Renzi: “Ecco quanti ne avete fatti sbarcare”

Condividi!

Matteo Salvini tira fuori il cartello da Bruno Vespa a Porta a Porta. Gli sbarchi che lui aveva quasi azzerato e che ora sono ripresi in grande stile.

I numeri parlano chiaro: gli arrivi sono “triplicati” da quando Salvini non è più al Viminale.

Renzi risponde in modo vago: “Mi dice dove sta scritto? Perché così lei non fa che aumentare le paure dei cittadini”. Beh, Renzi, sta scritto sui dati del tuo governo:

E’ boom di sbarchi: triplicati da quando Salvini ha lasciato il Viminale

Ma poi delira di brutto: “Allora, parliamo di numero e fatti: Salvini racconta cose che sono palesemente false. Quello che mi divide profondamente da Salvini è il tema dell’immigrazione. Ma di cosa parliamo? Se il trend di settembre dovesse continuare, a fine anno avremmo trentamila persone: ma quale problema è in un Paese di 60 milioni di abitanti? Il problema non sono 30 mila persone che arrivano in un anno ma quelle 25 persone che delinquono e che vanno stangate”. Capito? Trentamila clandestini “non sono un problema”, lui era abituato a farne sbarcare quasi 200mila!

Immediata la replica di Salvini: “Numeri: morti e dispersi nel Mediterraneo più che dimezzati, quando c’era lei siamo arrivati a 5mila morti, 800 quando c’eravamo noi. Vi sistemate la coscienza, con il multirazziale, poi arriva Richard Gere. Mi tengo l’etichetta del brutto e cattivo – ribadisce Salvini -, ma penso di aver fatto un’opera cristiana. L’immigrazione bella è quella dei 5 milioni che hanno i documenti, non quella degli scafisti”.




2 pensieri su “Porta a Porta,Salvini col cartello svergogna Renzi: “Ecco quanti ne avete fatti sbarcare””

  1. Ecco appunto mi sono rifiutata di guardare la farsa perché temevo per il mio fegato che si ingrossa ogni volta che sento la fatidica frase pronunciata da quel coglione di Salvini: “meno sbarchi meno morti” lo prenderei a calci quando lo dice! Non gli è venuto in mente di citare i nostri morti e feriti per mano nemica quel porco! Si preoccupa dei LORO morti che purtroppo sono avvenute per cause non imputabili a noi.

Lascia un commento