Erdogan: o ci lasciate rimpatriare i siriani o ve li mandiamo in Europa

Condividi!

“La comunità internazionale deve sostenere gli sforzi del nostro Paese o cominciare ad accettare i rifugiati” dalla Siria. Lo scrive il presidente turco Recep Tayyip Erdogan in un editoriale pubblicato sul Wall Street Journal per sostenere le sue ragioni sull’offensiva militare contro i curdi nel nord-est della Siria.

“La Turchia sta intervenendo dove altri
hanno mancato di agire”. Così il presi-
dente, Erdogan, che difende sul Wall
Street Journal l’offensiva turca contro
i curdi nel nord-est della Siria.

“I flussi di rifugiati siriani, la vio-
lenza e l’instabilità ci hanno spinto
ai limiti della nostra tolleranza”,dice
Erdogan, ricordando che il suo Paese
ospita 3,6 mln di rifugiati siriani e
ha speso per loro 40 mld di dollari.
“Senza supporto finanziario internazio-
nale non possiamo impedire ai rifugiati
di andare in Occidente”, aggiunge.

Diciamolo chiaro: Erdogan non ha torto, la Ue invece di favorire il rientro dei siriani in Siria, dopo che la guerra era finita da mesi, lavorava per i ‘corridoi umanitari’.

Interessante che la Turchia abbia speso 40 miliardi per 3,6 milioni di veri rifugiati e noi se ne spendano 5 miliardi l’anno per mantenerne centomila…

Anche l’Italia dovrebbe occupare la costa libica e trasferire lì tutti i clandestini. Quindi sì, Erdogan fa schifo, ma fa gli interessi del suo popolo, i nostri governanti, invece, fanno gli interessi degli altri popoli. E i propri.




Lascia un commento