Barcone con 300 a bordo: “Da tanti mesi non ne vedevamo uno così pieno”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Oltre 290 clandestini a bordo di un barcone sono stati prelevati, in acque di competenza maltese, e addirittura a 32 miglia da Lampedusa, da motovedette italiane della Guardia costiera e della Guardia di finanza che sono ora in attesa di un ‘place of safety’, un porto dove sbarcare.

Che non sarà un porto maltese:

Le motovedette italiane sono intervenute su richiesta proprio dei maltesi, già impegnati in altri “soccorsi”, a cominciare da una imbarcazione con 75 persone a bordo, che nelle scorse ore era stato segnalato in difficoltà dal centralino degli scafisti fondato da un trafficante di droga Alarm phone.

“Era da molti mesi che non si vedeva un barcone così carico di immigrati”. Intanto Malta, furbescamente, si è detta disponibile ad accogliere i 290 clandestini che si trovano ora a bordo delle motovedette salpate da Lampedusa, ma ha chiesto all’Italia intanto di farli sbarcare a Lampedusa dove però l’hotspot è già al collasso da ieri, dopo che gli invasori provenienti da diversi sbarchi, sette in tutto solo nella giornata di domenica, sono stati accolti sull’isola siciliana.

La follia di un Paese che usa le tasse dei propri cittadini morti di fame per andare a prelevare dei clandestini che pagano migliaia di dollari: che affondino, sono responsabili di se stessi.




Lascia un commento