Jebreal si sopravvaluta: “Oggi attaccano me, domani ebrei e disabili”, e affonda ascolti Fazio

Condividi!

Ieri, durante la puntata di Che tempo che fa, la giornalista palestinese Rula Jebreal, ha alzato i toni, parlando di razzismo.

Fabio Fazio chiede alla giornalista se l’Italia sia oggi un Paese razzista. “Intanto bisogna dire che nessuno nasce razzista- risponde Rula Jebreal-perché bisogna imparare ad essere razzisti e ad odiare”. Tuttavia, aggiunge la giornalista, “in questo momento storico siamo più vulnerabili di altri Paesi a causa di una immigrazione molto giovane e della crisi economica, per via della crescita zero. La gente è molto più vulnerabile e fatica a dare di più agli altri”.

In realtà, è vero il contrario. Si nasce ‘razzisti’, nel senso che il simile preferisce il simile, e poi la società ci diseduca all’indifferenza. Poi, il disprezzo dell’altro è cosa diversa.

E la presenza della palestinese ha fatto male agli ascolti di Fabio Fazio che ha fatto solo 1.799.000 spettatori con il 7.6% di share. Numeri ben diversi da quelli che raccoglieva a Rai1 e a Rai3, quando conquistava oltre tre milioni di spettatori (talvolta superando i quattro) e il doppio dello share.




3 pensieri su “Jebreal si sopravvaluta: “Oggi attaccano me, domani ebrei e disabili”, e affonda ascolti Fazio”

  1. Ciccia, parliamoci chiaro, tu sei una persona di buco anteriore con cittadinanza Israeliana. Cosa vuoi da noi? Butta un passaporto almeno e poi ne possiamo anche discutere. Capisco che ti dispiaccia non essere anche una persona di naso, ma sarebbe veramente troppo.

Lascia un commento