Chiesa trasformata in dormitorio immigrati, fedeli in fuga dalla Messa

Condividi!

“Non ho fatto altro che mettere in pratica le indicazioni di papa Francesco: aprite le porte delle chiese agli immigrati che fuggono dalla fame, dalla guerra e dalle persecuzioni”. E se poi, in realtà, fuggono dalla polizia perché sono spacciatori, poco importa a don Biancalani, che da cinque anni ha trasformato la sua chiesa in un dormitorio per immigrati, un bivacco afroislamico dove gli ospiti musulmani pregano Allah tra un letto a castello e l’altro vista altare.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ora molti fedeli hanno abbandonato la parrocchia e i bambini che frequentavano il catechismo sono drasticamente diminuiti. Erano centoventi: ne sono rimasti solo venti.

Biancalani se ne sbatte e non si ferma. Il suo compito non è pascere anime, ma sollazzare ‘negri’.

“Nella chiesa del parroco anti-leghista dentro i ‘profughi’ e fuori i fedeli. Roba da matti”, ha scritto giorni fa Salvini, e ha ragione. I fedeli se ne sono andati tutti.




4 pensieri su “Chiesa trasformata in dormitorio immigrati, fedeli in fuga dalla Messa”

  1. La Chiesa italiana si è venduta, ha completamente abbandonato i veri valori cristiani, è diventata lo zerbino delle culture tribali, come tutte le altre istituzioni italiane.
    Sono anni che non vado a messa, perchè in mezzo a quella gente mi sentivo sempre più straniero.
    Quando il Messiah tornerà, dirà a quella gente:
    “Ero nativo, e mi avete reso straniero in casa mia. Lontani da me, maledetti, nel fuoco eterno, voi che avete per padre il diavolo”.

  2. ma al tanto bravo e accogliente prete quanto ha fruttato e sta fruttando questa sua generosità? nessuno gli fa i conti in tasca? e poi trasformare la chiesa in un ospizio non credo che sia il massimo ……

Lascia un commento