Nigeriani, Renzi li traghettava e il babbo Tiziano li sfruttava

Condividi!

Il genitore del leader di Italia Viva deve affrontare ora una nuova inchiesta, per traffico di influenze illecite a Firenze. Insieme a Renzi senior, sarebbe indagato anche il suo ex socio, l’immobiliarista pugliese Luigi Dagostino. Il padre di Matteo Renzi si sarebbe servito di un telefono intestato a un extracomunitario per paura di venire intercettato: un nigeriano.

Ma Tiziano Renzi, padre di cotanto figlio, aveva proprio un debole per i nigeriani che il figlio traghettava mentre era al governo. Che andava oltre i telefonini.

Lo si evince dalle dichiarazioni di Luigi Corcione, un ex lavoratore della coop Delivery Service, di cui secondo l’accusa i genitori di Renzi sono considerati gli amministratori di fatto con prestanome: “Ero a nero e il mio compenso lo prendevo in contanti”.

Oggi a parlare a La Verità è stato Antonello Gabelli, ex collaboratore di Tiziano e già sentito dai pm: “Il padre di Renzi mi dava i soldi per pagare i lavoratori in nero“, racconta.

Del resto, come dimenticare:

Renzi insulta nigeriano: “Levati, faccia di merda” – VIDEO

Circostanza raccontata anche da Corcione il 9 maggio scorso di fronte alla guardia di Finanza: “Ero a nero e il mio compenso lo prendevo in contanti. Rendicontavo i pagamenti e l’attività settimanale alla Delivery Service. Preciso che l’interlocutrice della casella di posta elettronica della Delivery Service Italia alla quale inviavo tale rendiconto era tale ‘Lalla‘”. “Lalla”, ovvero Laura Bovoli, la moglie di Tiziano Renzi.

Nella sua intervista a La Verità, Gabelli torna a un periodo ancora antecedente: “Con Tiziano abbiamo iniziato a operare quando la Delivery non era ancora attiva e quindi non era pronta per le assunzioni. I portalettere lavoravano su strada in nero. Ma dovevano essere pagati e allora come facevamo? Il padre di Matteo Renzi mi diceva: ‘Antonello, ti spedisco i soldi sul contavo”. Secondo la versione del suo ex collaboratore, Tiziano Renzi “ha fatto girare sul mio conto 40-50mila euro ogni 30 giorni”. Soldi che sono serviti “per pagare in nero i postini?”, chiede il giornalista Giacomo Amadori. “È proprio così”, risponde Gabelli.

Il testimone, interrogato il 14 marzo di un anno fa, aveva già raccontato di come i genitori di Matteo Renzi e i coniugi Massone “creavano società cooperative al fine di svolgere il lavoro operativo, concentrando tutte le criticità su queste e lasciando ‘pulite‘ le menzionate società capofila“. Gabelli, coinvolto nell’inchiesta sulla bancarotta della Chil Post, ha già raccontato in una prima intervista in edicola domenica la sua versione su quella vicenda. Sulla vecchia società della famiglia Renzi ora anche la procura di Genova, vuole fare ulteriori approfondimenti e ha chiesto a Firenze gli atti dell’inchiesta che coinvolge i genitori dell’ex premier e l’imprenditore ligure Mariano Massone, anche lui arrestato.

Così i Renzi avrebbero usato gli immigrati

In questa seconda intervista Gabelli si sofferma invece sul mondo del volantinaggio: “Il sistema del ‘volantino’ in Italia è sporco, ma nessuno fa niente”. In questo mercato lavorano “solo cittadini extracomunitari: pachistani, turchi, africani, per lo più senza contratto o con il contratto non in regola”. Secondo l’ex collaboratore, Tiziano Renzi aveva bisogno di “appoggiarsi a qualcuno” per muoversi nel mondo dei volantini e “ha usato come stampella Massone“, quello che lui considera “il vero diavolo“. “Lavoro nero, macero, sovrafatturazioni. E poi magari si va a cena a Natale a mangiare il tartufo, tanto si inserisce come spesa a bilancio”: un racconto, quello fatto da Gabelli a La Verità, in cui si inserisce anche il giallo dei volantini Esselunga finiti al macero che però le cooperative fatturavano alla società di famiglia dei Renzi, Eventi6, come se fossero realmente distribuiti.

VERIFICA LA NOTIZIA

Insomma, secondo le accuse, il figlio li traghettava e il babbo li sfruttava per strada. Questo è stato il vero conflitto di interessi di questi anni.

E babbo Renzi non era l’unico a giovarsi degli sbarcati dal figlio:

Eataly sostituisce italiani con profughi: “Boicottiamo Farinetti”

Ah, e poi c’è anche la mafia nigeriana, ma questa è un’altra storia.

Il Pd, di nigeriani, ne ha sbarcati in questi anni quasi 100mila. Poi è arrivato Salvini e gli sbarchi di nigeriani si sono azzerati.




Lascia un commento