Ragazzino massacrato di botte da branco immigrati islamici

Condividi!

Un ragazzino di 15 anni brutalmente picchiato da un barnco di immigrati nel comune fiammingo di Kalmthout, Anversa, durante il fine settimana.

VERIFICA LA NOTIZIA

Sabato sera, Lennert Bastiaensen, 15 anni, si stava godendo una serata con la sua ragazza, quando è stato avvicinato da un gruppo di cinque uomini immigrati, uno dei quali si chiama Nazmi, che aveva già picchiato in precedenza Bastiaensen.

Il gruppo di immigrati ha circondato il quindicenne e ha iniziato a picchiarlo.

“Improvvisamente ho visto un gruppo di cinque stranieri che camminavano verso di noi”, dice Bastiaensen a HLN .

“All’inizio ho pensato che sarebbero andati oltre, invece si sono fermati attorno a me. Ho riconosciuto uno degli uomini di un’aggressione di quasi tre anni fa. Risolta con l’accordo giudiziario che ci saremmo evitati a vicenda ”, ha aggiunto Bastiaensen.

“Ti ricordi chi sono?” Ha detto uno degli assalitori”.

“Improvvisamente sono stato colpito duramente e sono finito a terra ”, ha detto Bastiaensen. Poi è iniziato il brutale pestaggio.

Fortunatamente, la sicurezza della festa è potuta intervenire prima che il gruppo di migranti uccidesse il quindicenne.

Prima che potessero essere arrestati, tuttavia, il gruppo si è dileguato.




2 pensieri su “Ragazzino massacrato di botte da branco immigrati islamici”

  1. Salve. Mi domando quando un santo cristiano fa una cosa del genere perché non scriviti la religione. Secondo me quello che ha fatto così è un criminale e basta non dovete infilare la religione che non c’entra nulla

  2. I ragazzi valorosi come Traini sono stati soprannominati “Santi” in tutta Europa, la religione non c’entra, immagino che li abbiano soprannominati così non solo per l’enorme dono che fanno alla patria, ma per le pesantissime conseguenze che devono affrontare dopo l’azione. Infatti la “crocifissione” dei magistrati rossi non è minimamente paragonabile al buffetto sulla guancia che danno a gli stranieri per aver ucciso italiani. Giustizia: è una parola che ha perso identità, proprio come l’Italia e le nazioni limitrofe.

Lascia un commento