Cassazione: no domiciliari per Brusca, ma che vergogna che possa chiederlo

Condividi!

Rimane in carcere Giovanni Brusca:
la Cassazione ha infatti respinto la
richiesta dei suoi legali di ottenere
la detenzione domiciliare.

Brusca continua dunque a scontare la
sua pena nel carcere di Rebibbia.

L’udienza si è svolta oggi a porte
chiuse, senza la difesa, che ha invia-
to memorie scritte.

Ma qui il punto è un altro: non dovrebbe nemmeno poterlo chiedere. E’ già un’offesa che si debba discutere la cosa.




Lascia un commento