«Delrio (PD) ha chiesto i voti alla ‘ndrangheta»

Condividi!

ACCUSE GRAVISSIME DALLA LETTURA DELLA SENTENZA SULLA ‘NDRANGHETA NELL’EMILIA ROSSA

La sentenza Aemilia: «I candidati a sindaco di Reggio andarono a Cutro senza dire che i voti della ‘ndrangheta erano sgraditi».

VERIFICA LA NOTIZIA

Dopo il deposito delle motivazioni del maxi processo contro la ‘ndrangheta “Aemilia”, celebrato a Reggio, la Lega ha chiesto di ascoltare in commissione parlamentare antimafia Delrio e l’attuale governatore emiliano-romagnolo Stefano Bonaccini.

Il motivo e’ il grave episodio ricordato nelle motivazioni e avvenuto nel 2009, quando alcuni candidati a sindaco di Reggio Emilia si recarono in piena campagna elettorale a Cutro, in Calabria, paese di origine della cosca di ‘ndrangheta legata alla famiglia Grande Aracri che si era espansa anche in Emilia. Tra i candidati presenti anche Delrio.

Ora, cosa va a fare il candidato a sindaco PD di Reggio Emilia nella capitale di una cosca ‘ndranghetista? A chiedere i voti dei calabresi residenti in città, dicono molti. Poi dove andrete, a Benin City?

Poliziotti uccisi, il PD: “Ora subito cittadinanza a immigrati”

Ma Delrio smentisce di essere andato a caccia di voti dei cutresi, di cui a Reggio Emilia esiste una numerosa comunita’. Si trattava di turismo.

La Lega: se ne occupi la commissione Antimafia. Nuovo imbarazzo sull’asse Pd-M5s.




Lascia un commento