Effetto immigrazione: peggiora la qualità del lavoro

Condividi!

Aumenta il numero degli occupati ma peggiora la qualità del lavoro. Lo rivela uno studio della Cgil che analizza i dati del secondo trimestre del 2019 confrontandoli con con lo stesso periodo del 2018. Diminuiscono le ore lavorate e crescono part time e contratti a tempo determinato “involontario”, utilizzati da alcune imprese ai fini di competitività di costo. In questo modo cresce “la quota di lavoro povero nell’occupazione”.

Dipende da questo:

E’ ufficiale: lavoro, immigrati sostituiscono i giovani italiani

Loro stanno prendendosi i nostri lavori. E non perché gli italiani non vogliono farli, ma perché loro sono disposti a farlo a condizioni peggiori. E questo si riverbera nel peggioramento della qualità del lavoro.

Come si interviene? Prima di tutto non facendoli entrare, e quindi non mettendo a disposizione ai negrieri i ‘negri’ da sfruttare e mettere in concorrenza con gli italiani. Secondo, inserire in costituzione ‘prima gli italiani’.

Immigrati rubano il lavoro agli italiani: è un genocidio economico




Un pensiero su “Effetto immigrazione: peggiora la qualità del lavoro”

  1. I Talebani dicono che gli sta bene fare la guerra per i prossimi cento anni. E voi? Notate bene che i Talebani fanno la guerra per difendere le loro quattro pietre e non per rompere le palle agli altri. Ok, ogni tanto fanno saltare qualche Buddha che si poteva anche tenere però è casa loro e ne hanno ogni diritto. Anche perchè, qualche anima buona che ha fatto crollare il Colosseo la abbiamo avuta anche noi. Vero preti?

Lascia un commento