Disegnino buonista copre scritte anti-Carola Rackete

Condividi!

Quella che segue è un’agenzia Ansa, ma sembrerebbe scritta da un agitatore da centro sociale:

Un segno artistico contro la violenza di genere: l’immagine di una bambina con un caschetto nero che abbraccia stretto stretto il mondo. E’ l’opera di arte pubblica e sociale che cancella la brutale scritta sessista e razzista contro Carola Rackete, la comandante della Sea Watch 3.
Fino a oggi imbrattava il muro di un’azienda lungo la statale 195 che da Cagliari conduce Capoterra. “Una scritta che offende Carola e tutte le donne”, denuncia la portavoce di un collettivo di donne sarde che attrezzate di vernice, rulli e pennelli hanno deciso di mobilitarsi.
Da stasera quella scritta sparisce per far posto alla bellezza e a un messaggio di pace. Si è trasformata in un flash mob l’azione di action painting della writer sarda Nina Castle.
“All’odio e alla violenza rispondiamo con un abbraccio e con messaggio che vuole sottolineare la necessità e l’urgenza di prendersi cura dello spazio urbano e di chi lo abita, aldilà delle etnie e dei generi”, spiega.

Beh, patrioti di Cagliari, ora tocca a voi.




2 pensieri su “Disegnino buonista copre scritte anti-Carola Rackete”

  1. Ieri ho trovato un filmato dove un europeista insegnava a dei bambini a creare disegni fuorvianti sulle svastiche scritte sui muri, ma a noi non ci interessa questa meschinità, ci interessa il fatto che qualcuno le svastiche le faccia. Questo è un buon segno!

Lascia un commento