11 barconi tunisini assaltano Lampedusa, poliziotto: “Sbarcano galeotti tunisini e TG ve lo nascondono”

Condividi!

L’annuncio dell’apertura dei porti italiani ha scatenato i tunisini. Che, sappiamo, essere in larga parte ex detenuti.

VERIFICA LA NOTIZIA

Altri due barchini, con a bordo 15 e 16 tunisini, sono infatti stati avvistati stanotte, a poca distanza dalla costa di Lampedusa, da una motovedetta della Guardia di finanza che li ha guidati in porto. In poco più di 24 ore, a partire da sabato sera, si sono registrati complessivamente 11 approdi di clandestini sull’isola.

Oltre 200 clandestini erano arrivati a Lampedusa in appena 12 ore su 9 barconi arrivati uno dietro l’altro ognuno con 20-25 clandestini, sbarcati direttamente in porto o sulle spiagge dell’isola: una vera e propria operazione militare.

Ieri, anche una quarantina di clandestini – che hanno dichiarato di essere algerini – erano sbarcati in Sardegna su più barchini.

E’ un attacco senza precedenti. Con Salvini, arrivavano in un mese! Come accade in Grecia:

Cosa accade senza Salvini: 13 gommoni sbarcano 600 clandestini in 30 minuti – VIDEO

L’unica nota positiva della giornata è la guardia costiera libica che ha riportato indietro un barcone con 70 invasori a bordo. Mentre un altro con 50 sarebbe dato per disperso.

Quindi, in mezza giornata 9 barconi arrivati con oltre 280 clandestini, 1 riportato indietro dai libici e un altro disperso. Un totale di quasi 400 clandestini diretti in Italia in 12 ore. Oggi altri 2. Grazie a Pd-M5s.

Questo porta il numero totale di settembre a 2.500 clandestini sbarcati contro un totale di 947 lo scorso anno. Effetto PD.

E allora ricordiamo la testimonianza di un agente: “Sono stato aggregato in Sicilia, tra Agrigento e Lampedusa per l’ emergenza sbarchi – scrisse Manuel Cantelli in una lettera denuncia spedita ai giornali italiani – Non sono un poliziotto di primo pelo e credo di aver visto un po’ di tutto, ma nonostante ciò la situazione che mi si è presentata mi ha sconcertato. Ogni giorno sbarcano sulle coste italiane centinaia di persone, alcune con le loro imbarcazioni, molte di loro accolte da una sorta di ‘comitato di benvenuto’ li ha riforniti di viveri e dopo una bella pacca sulla spalla, con un cordiale arrivederci, li hanno lasciati liberi di andare dove volessero. Proprio così, liberi nel nostro Paese. Roba da non credere”.

ASSALTO A LAMPEDUSA, SBARCANO CENTINAIA DETENUTI TUNISINI

Ebbene “queste persone, questi giovani, non sono profughi e non fuggono dalla guerra, ma sono galeotti tunisini che di certo non vengono qui per fare gli operai in fabbrica”.

“Abbiamo messo in piedi una macchina dei soccorsi enorme – continua la lettera – a Lampedusa c’ è uno spiegamento di forze incredibile, mezzi e uomini di tutti i reparti, dalla Protezione Civile alla Croce Rossa, dai Vigili del Fuoco a tutte le Forze dell’ Ordine; aerei, navi, traghetti, tutti dediti all’ accoglienza, tutti preoccupati a fornire un servizio a 5 stelle a questi signori, che tutto sono tranne che pacifici turisti”.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Nella maggior parte dei casi si tratta persone senza ritegno alcuno, senza alcun rispetto delle nostre regole, delle nostre leggi, della nostra civiltà e purtroppo nei Tg non se ne parla, come se quello che succede a Lampedusa debba essere tenuto nascosto”.

Capito?




2 pensieri su “11 barconi tunisini assaltano Lampedusa, poliziotto: “Sbarcano galeotti tunisini e TG ve lo nascondono””

  1. W il PD e 5 Stelle , incompetenti e fancazzisti , Ma non era il giverno venuto per bloccare l’aumento del Iva e abbassare il cuneo fiscale degli Italiani ???????
    é proprio vero : chi sa fare lavora chi non sa fare un cazzo dirige –

Lascia un commento