Vogliono tassare il contante: i vostri soldi per pagare la nuova accoglienza

Condividi!

La parola d’ordine di PD-M5s è ‘tassare i contanti’:

E cosa vogliono farci con questi soldi rubati agli italiani? Ma ovvio:

https://voxnews.info/2019/09/21/piano-del-governo-piu-soldi-per-accoglienza-immigrati-video/

Ma più della questione monetaria, dobbiamo temere il vero tentativo che si cela dietro questi provvedimenti: l’abolizione progressiva del contante.

Pensate cosa potrebbe accadere se abolissero il contante: chiunque sarebbe in balìa dello Stato, del sistema bancario e di BigTech.

Il contante è tuo e non è ‘discriminabile’. Nessuno può impedirti di utilizzarlo e di averlo perché magari hai idee che non piacciono a chi controlla il sistema bancario e finanziario.

L’unica forma di moneta simile, anche se è elettronica, è la criptomoneta non privata come il Bitcoin.

Il Sistema di potere ha come obiettivo finale dichiarato quello dell’abolizione del contante. Che renderebbe il cittadino suddito. Più di quanto lo sia già adesso.

L’utilizzo della moneta elettronica ha i suoi vantaggi, ma ha l’enorme difetto, quando è “obbligatoria e totale”, di rendere il cittadino “schiavo del Sistema”.
Una volta che il contante venisse eliminato, infatti, scomparirebbe l’ultima linea di difesa che un individuo ha davanti allo strapotere del Sistema. Sarebbe impossibile ritirare il denaro dalle Banche, visto che il denaro non esisterebbe più, come entità fisica. E non si potrebbe conservare se non nel sistema finanziario: quindi sempre sotto tiro dello Stato. E delle banche.

La sua circolazione dipenderebbe infatto totalmente dal sistema bancario e finanziario, quindi, sarebbe soggetta a commissioni sempre crescenti.

Si potrebbe almeno pensare a “moneta elettronica” caricata su carte o cellulari che non fosse soggetta a commissioni bancarie. Ma questo non eliminerebbe il problema di fondo, quello della indisponibilità di questo denaro: i conti potrebbero essere bloccati dal Sistema. Lo Stato potrebbe decidere da un giorno all’altro di prelevare forzosamente senza più l’inghippo della corsa agli sportelli, che non esisterebbero più come fornitori di denaro fisico.

A quel punto, con l’abolizione del contante, l’unica difesa sarebbero le criptomonete sullo stile del Bitcoin, che però è un meccanismo ancora troppo speculativo e limitato ad un piccola fascia di popolazione.

Nonché quello della “tracciabilità”, ovvero del controllo totale: il Sistema potrebbe tracciare qualsiasi nostro movimento e inserire i nostri “gusti” e i luoghi che frequentiamo, in un’enorme banca dati il cui non utilizzo criminale, una volta creata, non potrebbe essere garantito da nessuno.

Il Sistema eurofanatico, rappresentato in Italia dal loro maggiordomo, Padoan, supportato da pennivendoli d’apparato, strumentalizzando il concetto di “evasione fiscale” vuole imporci un altro passo verso l’oppressione. Verso la rinuncia della libertà, in nome della lotta all’evasione.

Rinunciare al contante perché è “bene per l’economia”. E “se è bene per l’economia, chi sono io per oppormi a ciò che è bene per l’economia? L’economia non esiste per me, io esisto per l’economia”.

Siamo in presenza di una minaccia alla libertà senza precedenti. Il contante è una delle poche difese del cittadino rispetto all’arroganza dello Stato e delle multinazionali: non possono ‘cancellarti’ il contante, non possono impedirti di spenderlo. Possono invece bloccarti una carta, magari per motivi politici. Il contante è tangibile (l’oro ancora di più), i numeri in un conto elettronico no.

Per questo, se davvero volessero insistere su questo scempio di libertà il popolo deve ribellarsi. Anche in modo violento.

C’è un limite oltre il quale l’aggressione dello Stato al cittadino deve trovare una resistenza violenta. La legge naturale precede quella dei parlamenti, tanto più quella di un parlamento abusivo di puttane politiche come il nostro: e il diritto a possedere il frutto del proprio lavoro è un diritto naturale.

L’idea di tassare il contante è folle. Sia tassandolo all’utilizzo, sia nel caso volessero tassare i prelievi.

E poi dobbiamo rovesciare la vulgata mediatica: pagare le tasse è una concessione che il cittadino fa allo Stato, non il contrario. Siamo costretti a mantenere una pletora di parassiti, una burocrazia sconfinata che lavora contro i nostri diritti, sia a Roma che a Bruxelles.

Noi vogliamo lo Stato minimo. Non governi da cento ministri e sottosegretari che danno lavoro a deficienti che, altrimenti, venderebbero bibite davanti ai cessi degli stadi. E non vogliamo essere perseguitati da orde di burocrati da noi stipendiati: commissari Ue, autority e pletore di giudici.

Se mettono mano al contante, il cittadino deve mettere mano alla *******. Non c’è alternativa.




4 pensieri su “Vogliono tassare il contante: i vostri soldi per pagare la nuova accoglienza”

  1. Ricordo anche che le sanzioni della psicopolizia sarebbero automatiche, parole tassate, frasi ritenute fuorilegge ed ecco che ti ritrovi un buco nei conti. Il fatto di portare “crediti” all’estero potrebbe non essere contemplato dal sistema, se non hai un cognome altisonante. Insomma davvero un altra ingiustizia che si va a sommare a quelle già perpetrate ai danni nostri. Il fatto che ti levino gli organi (tacito assenso) non è altrettanto vergognoso? Lunedì sarò in comune per dare la giusta disdetta. Sapete che ve li levano quando siete ancora vivi? Non è forse vero che molti dati per spacciati sono ritornati alla vita? Che si f@ttan@! Difendiamo i nostri diritti! Non siamo pezzi di ricambio per gli stranieri.

  2. X Vox
    Scusate ma da sempre ho difficoltà ad aprire le pagine, pubblicare commenti, tempo medio circa un minuto. Non accade in tutti gli altri siti dove navigo velocissima.
    Grazie per consigli o info da parte di tutti. Preciso che pulisco lo smartphone da file anche più volte il giorno, ripeto, accade solo con Voxnews.

  3. Non so. Sono perplesso.
    Io lavoro duro, devo fatturare tutto e pago tasse e contributi.
    Poi viene l’idraulico a casa e per due ore scarse di lavoro ti chiede 250 EURO in contanti senza fattura e non caccia un centesimo ti tasse e contributi.
    Ha l’ISEE basso e non paga il ticket sulle medicine,
    e ha la mensa gratis a scuola per i figli.
    E non paga l’ospedale che io pago con le mie tasse.

    E da anni che provo a immaginare un mondo senza contanti:
    L’idraulico dovrebbe fare la fattura e essere pagato con il pos o l’assegno.
    Idem la puttana per strada, lo spacciatore (o pusher per chi non conosce l’italiano).
    Dovrebbero prendersi la partita iva e pagare tasse e contributi proprio come me o te.
    Per non parlare del pizzo. Come lo paghi? In natura?

    L’abolizione del contante danneggerebbe le mafie e i disonesti.
    E’ per questo che non si farà mai.

  4. Semplice: l’idraulico non lo pagherai più 250 ma 300 euro perché le tasse saranno totalmente a tuo carico, lui cade sempre in piedi. La mafia avrà dei conti esteri e li potranno inviare nei paradisi fiscali. Lo spacciatore si servirà di una piccola macchinetta che prende le carte prepagate. La prostituta avrà lo stato come magnaccia, perché riaprono i bordelli.

Lascia un commento