Gli perquisiscono casa perché odia i musulmani e lo scrive

Condividi!

Sui social scriveva contro i musulmani e gli immigrati. Per questo è stato denunciato dalla Digos di Verbania un quarantacinquenne ossolano.

VERIFICA LA NOTIZIA

L’indagine è partita dall’attività di monitoraggio di cosiddetti “gruppi di estrema destra”.

L’uomo frequentava una community internazionale, specializzata nella creazione di meme, foto, video e post di legati ad ideologie sovraniste.

Reato di meme. E il sovranismo come reato di pensiero.

Di buona cultura (è laureato) e politicamente non attivo, l’ossolano non nascondeva la propria ammirazione per Brenton Tarrant, autore della strage di islamici nella moschea che aveva allevato due terroristi di Al Qaida in Nuova Zelanda.

La scelta è stata di entrare in azione per non rischiare che l’uomo dalle parole passasse ai fatti. Giovedì mattina sono così scattate le perquisizioni, in cinque immobili a lui riconducibili. Non sono state trovate armi.

Siamo al ‘pre-reato’, qualcosa che farebbe impallidire qualunque costituzionalista che si rispetti. E qualunque essere vivente con più di un neurone.

L’ossolano ha collaborato con la polizia, ma ha detto di aver semplicemente espresso le sue idee e che non pensava di aver fatto nulla di male.

Invece in Italia esiste lo psicoreato di ‘odio razziale, etnico e religioso’. Sequestrate due bandiere, hard disk, chiavette, cellulari, tablet e dvd.

Al di là di quello che si possa pensare di Tarrant e che si possa condividere o meno idee contro musulmani o marziani: sono le sue idee, e le idee non sono o non dovrebbero essere reato. Questo, almeno, in un Paese civile.

Ma l’Italia non è, ancora, un Paese civile. Visto che può accadere che la Digos ti entri in casa perché odi qualcuno, come se l’odio potesse essere un reato e non un sentimento.

Qui rivendichiamo il diritto ad odiare chi si vuole, anche gli italiani: è un diritto naturale dell’individuo pensare ed esprimere il proprio pensiero senza dover preoccuparsi che qualcuno ti spii e ti perquisisca casa.

E poi. Seguendo questo ragionamento, l’islam, che propaganda l’inferiorità e l’eliminazione dell’infedele, dovrebbe essere illegale e ogni imam denunciato dalla Digos e arrestato. Invece no. Si ‘monitorano’ italiani con idee che, magari non condividiamo, ma che difendiamo il diritto, sacro, ad essere espresse.

Odi gli italiani? Puoi scriverlo. Vuoi tenere in casa una bandiera nazista piuttosto che il busto di Pol Pot o Stalin? Fatti tuoi.

Anche perché oggi tocca al ‘nazista’, domani può toccare al leghista e dopodomani a chiunque non sia un soldatino del Sistema.

Sempre fanculo il Sistema.

Ps. La Polizia Postale, invece di dare la caccia all’enorme mercato di pedofili che popola il deep web, è costretta ad impiegare le scarse risorse per dare la caccia a ‘pericolosi’ odiatori con bandiere e fruitori di streaming online. Sempre dalla parte del Potere e del Ricco.




7 pensieri su “Gli perquisiscono casa perché odia i musulmani e lo scrive”

  1. L’ITALIA IL DOPO MUSSOLINI NON E PIÙ UN PAESE CIVILE
    MINCHIA SIAMO ALLA FRUTTA MARCIA
    8 PROFILI FB CHIUSI PER FOTO DEL DUCE E ODIO VERSO GLI IMMIGRAMERDE E MUSULMERDE ISLAMERDE PARASSITI
    IL TUTTO PER ISLAMIZZARE L’ITALIA E INCULARE NOI ITALIANI.
    ALLAH MAIAL PORCO MAOMETTO DEMONIACO GAY BASTARDO

  2. Beh, se un giorno dovessi “sparire” di punto in bianco… saprete già che fine ho fatto. Portatemi le arance, grazie.
    Comunque se usate TOR magari…
    E poi, come vi scrivevo qualche giorno fa, usate un’etnia differente per veicolare messaggi differenti.
    Vi serve il principe David Chaim Gnagnowitz per criticare gli islamici su faceberg. E anche lì, mi raccomando, globalista e non sionista. Yair ha avuto problemi quando ha attaccato i globalisti.
    Vorrei comunicare ai signori della polizia postale che se poi dovesse essere il caso, io mi convertirei volentieri. Vuoi mettere lanciare i froci dal tetto?

  3. Già il fatto di dover prendere precauzioni come Tor o per dire la nostra fingere di essere quello che non sei, conferma che l’attività della psicopolizia è già una realtà. La lega su fb era già considerata “il male” perché se scrivevi la parola mi pare di aver letto qua che ti bloccavano il messaggio no?

  4. Io penso che negli altri paesi europei occidentali la repressione del pensiero, non conforme a quello dominante di stampo liberalprogressista, sia ben più dura che in Italia, specialmente in Germania, dove ancora domina il senso di colpa per il passato nazista.

Lascia un commento