L’omonimo di Salvini e le “donne in vetrina come in Germania”

Condividi!

“Donne in vetrina per favorire il turismo”. Questa la proposta-choc del consigliere regionale della Lega in Toscana, Roberto Salvini, avanzata parlando di prostituzione nella commissione regionale sviluppo economico, che ha suscitato reazioni e polemiche tanto che il commissario Daniele Belotti lo ha sospeso. “Se mezza Europa ci investe in quell’indirizzo… – aveva detto Salvini – Io sono stato alle fiere in Germania, in Olanda è uguale, in Austria è uguale, in Francia è uguale: troviamo le donne in vetrina. E’ un turismo anche quello”. La consigliera regionale Monia Monni, presente in commissione, ha pubblicato su Fb il video con le affermazioni di Roberto Salvini, per le quali si è detta indignata e disgustata.

Critiche anche da numerosi parlamentari e dal presidente Enrico Rossi che ha parlato di “pensiero aberrante”. La Lega ha preso stamani distanze dalle parole del suo consigliere, quindi il commissario per la Toscana ha deciso la sua sospensione.

Che siano presenti in tutta quella parte d’Europa è un dato di fatto. Che questo appartenga ad una cultura lontana dalla nostra anche, noi non vogliamo donne in vetrina.

Ma che a protestare sia chi tollera migliaia di donne ‘in vetrina’ sulle nostre strade è quantomeno ipocrita. Se poi sono gli stessi che le vedono come un forno a microonde per ricchi gay ancora di più.

Comunque: evitiamo di partorire idea strampalate. Non vogliamo un turismo di puttanieri, già è degradante quello spagnolo di massa.




3 pensieri su “L’omonimo di Salvini e le “donne in vetrina come in Germania””

  1. Le zoccole in vetrina sono un esempio perfetto della gentrificazione che ha subito il vecchio centro di Amsterdam, visto che ormai tante vetrine sono ritornate ad essere semplici vetrine.
    L’ultima volta che ho controllato il più grande casino in Europa era la Jonquera, in Spagna ma molto vicino al confine con la Francia.
    Vi piacerà sapere che anche alla roadhouse più vicina alla base di Nellis (una delle cui parti è la famigerata area 51 di cui si parlava oggi) c’è (o c’era) un casino, il Cherry Pie Ranch.

  2. La prostituzione in Olanda era, e credo sia tuttora, un grosso affare per lo stato. Questo consigliere si sta portando avanti nel lavoro, lo stato facendo sparire i soldi liquidi sarà il magnaccia delle mignotte, che siano in vetrina o nei bordelli scusate che differenza fa? Non dovrebbe sconvolgervi il fatto che si vendano, perché già lo fanno, dovrebbe casomai indignarci che lo stato ci guadagni sopra. Il governo giallo rosso…e verde troverà un accordo con gli altri papponi della mafia nigeriana? Direi di si, i boss, fuori e dentro il parlamento si riuniranno per decidere come spartirsi il bottino.

Lascia un commento