Crollano donazioni, Vaticano in deficit per 70 milioni di euro

Condividi!

Il Vaticano nel 2018 ha registrato un disavanzo di oltre 70 milioni di euro. E’ l’effetto del crollo delle donazioni. Predicare l’invasione comincia a rompere.

Bergoglio ha incaricato il cardinale tedesco Reinhard Marx di trovare una soluzione.

VERIFICA LA NOTIZIA

«Uno dei problemi principali sono gli stipendi di alcuni laici che guadagnano fuori tabella anche 15mila euro al mese” dichiara uno dei capi dicastero che parteciperà alla riunione con il porporato. “Ci sarebbero state tante voci su cui poter lavorare e tagliare ma l’arrivo dei consulenti da società esterne, poi entrati come dipendenti a carico della Santa Sede, ha complicato le cose: guadagnano più di noi cardinali e spesso non hanno nemmeno buone competenze».

I dipendenti del Vaticano sono circa 5mila. Nei mesi scorsi il Governatorato dello Stato della Città del Vaticano ha tagliato gli straordinari festivi per gli ascensoristi del Palazzo Apostolico; pronta è arrivata la “punizione divina”: lo scorso 1 settembre Papa Francesco è rimasto bloccato per 25 minuti in ascensore. Non essendo presenti gli addetti, è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco. Avete pagato voi.

Iil Governatorato ha poi optato per un “taglio” sulle spese sanitarie; chi ne ha fatto le spese è stato il Fondo Assistenza Sanitaria. Adesso i genitori che ne usufruivano devono rivolgersi al servizio sanitario nazionale italiano.

E pensare che, ogni anno, la Chiesa si pappa oltre 1 miliardo di euro con la truffa legale dell’8 per mille. E voi li finanziate senza saperlo.

Una bella botta l’hanno presa per colpa di Salvini, il che spiega perché ce l’abbiano tanto con lui:

Salvini è costato al Vaticano 1 miliardo: Avvenire contro la «mangiatoia finita»

Il business della Chiesa con i profughi è stato spaventoso. A documentarlo sono gli stessi dati del rapporto Caritas 2017 sulla “Protezione internazionale in Italia“.

Secondo quei dati, che ad oggi non dovrebbero essere superati se non di poco, il 17% dei richiedenti accolti in Italia sono ospiti della Cei. Parliamo di 23mila stranieri.

Di questi 23 mila immigrati che risultano nelle strutture religiose, poco meno di 5mila mangiano grazie a fondi ecclesiastici o donazioni come l’8 per mille. I restanti il 79% la Chiesa li accoglie sì, ma usando i soldi dei contribuenti. I famosi ’35 euro’.

Parliamo dialmeno 150 milioni di euro all’anno.

A far man bassa di appalti sono le diocesi e la Caritas. L’ente della Cei compare come aggiudicatario in almeno 26 diverse prefetture attraverso le sue diramazioni locali o le fondazioni direttamente controllate. Sondrio, Latina, Pavia, Terni e via dicendo per un importo ben oltre i 30 milioni di euro l’anno. I dati risalgono a tutto il 2016: tra le più ricche la Caritas di Udine, con i suoi 2,7 milioni di euro. Poi la Mondo Nuovo Caritas di La Spezia (1,7 milioni) e infine quella di Firenze (664mila euro). Un capitolo a parte lo merita Cremona, città che ha dato i natali a Monsignor Gian Carlo Perego, direttore Generale di Migrantes (l’ufficio per le migrazioni della Cei). Qui la Chiesa ha fatto bottino pieno: oltre 3 milioni di euro alla diocesi cittadina e 1,6 milioni assegnati alla gemella di Crema. L’attuale vescovo di Ferrara, soprannominato “il prelato dei profughi”, quando guidava la Caritas cremonese lasciò in eredità la cooperativa “Servizi per l’accoglienza” degli immigrati. Coop che ovviamente non si è fatta sfuggire 1,2 milioni di euro di finanziamento nel circuito Cas e altri 2,4 milioni per la rete Sprar 2014/2016 da spartire con altre due associazioni.

“La Chiesa accolga gratis i migranti”, ha chiesto più volte Matteo Salvini invitando i vescovi a dichiararsi pure ospitali, ma senza pesare sui contribuenti. Parole al vento. E così per capire il variegato mondo cristiano nella gestione dell’immigrazione, bisogna pensare al sistema solare: al centro la Caritas (che di solito si occupa solo di coordinare) e tutto intorno un’immensa galassia di organizzazioni più o meno collegate. Vicine al sole ruotano decine di cooperative nate in seno alle diocesi e operative su suo mandato. Spiccano tra le altre la Diakonia onlus di Bergamo, che ha incassato 8,1 milioni. Oppure la Intrecci Coop di Milano, con i suoi 1,2 milioni di euro per l’accoglienza straordinaria a Varese. Dove non arriva la curia ci pensano i seminari, le parrocchie, gli ordini religiosi e le fondazioni. Come la “Madonna dei bambini del villaggio del ragazzo”, che nel 2016 aveva ottenuto l’assegnazione di 1,5 milioni di euro.

A poca distanza dal cuore del sistema si posizionano invece centinaia di associazioni che si richiamano a vario titolo alla dottrina sociale della Chiesa. Qualche esempio? Tra un coro dello Zecchino d’Oro e l’altro, la Antoniano onlus di Bologna ha accolto pure un piccolo gruppo di migranti. E con il sottofondo del “Piccolo coro” si è vista liquidare 129mila euro in un anno. Alla faccia di Topo Gigio. E ancora la cooperativa Edu-Care di Torino (2,6 milioni assegnati), la San Benedetto al Porto di Genova (fondata dal prete “rosso” Don Gallo), le Acli e via dicendo. L’elenco è sconfinato.

Al banchetto caritatevole partecipano tutte, dalle coop citate nelle carte di Mafia Capitale fino ad arrivare alla diffusa rete delle Misericordie d’Italia. La sezione più famosa è quella che gestisce il Cara di Isola di Capo Rizzuto, finito nella bufera con l’accusa di collegamenti con la mafia e trattamenti inumani verso i migranti. Ma le maglie della Venerabile Confraternita sono fitte e le sue affiliate non si fermano in Calabria. Alcune sezioni controllano diversi Cas tra Arezzo, Firenze, Ascoli, Pisa (e non solo). In Toscana l’introito complessivo per il 2016 è succulento: 6,2 milioni di euro. E pensare che nel vademecum dei vescovi c’è scritto che l’ospitalità può essere anche “un gesto gratuito”. Alcuni non devono essersene accorti.

Un business spaventoso:

VATICANO DIFENDE NAVI ONG: “ACCUSE VERGOGNOSE”, INCASSA 127 MILIONI DI EURO PER ACCOGLIERE PROFUGHI

E non è affatto difficile dare numeri precisi. Basta fare un calcolo, per capire quanto incassi la Vaticano Spa dall’accoglienza dei clandestini – e in questi numeri sono esclusi i pagamenti in natura (non parliamo di sesso, ovviamente): 35x22000x365= 293.825.000

Perché anche quelli per i quali non riceve i rimborsi, sono mantenuti con i soldi dell’8 per mille. Soldi truffatti ai contribuenti poco avveduti.

Una cifra mostruosa. Del resto, come diceva Buzzi: “I migranti rendono più della droga”. Al Vaticano sono esperti di entrambe le questioni.

E infatti, nel cosiddetto Vademecum sull’accoglienza che la Cei pubblicò due anni fa, spiegava ai propri preti-affaristi, che “se l’attività di accoglienza si svolge con caratteristiche che ai sensi della normativa vigente sono considerate commerciali si applica il regime generale previsto per tali forme di attività”.

Questi fanno affari biblici. E camuffano il tutto con la ‘solidarietà’. Lo possono fare perché hanno la complicità interessata dei media di distrazione di massa.

E dovete pensare che già nel 2015 la situazione era questa:

Metà profughi li gestisce il Vaticano: e incassa (da contribuenti) 127.750.000 euro

Ergo, questi, da quando è iniziata l’invasione predicata da Bergoglio, hanno incassato oltre mezzo miliardo di euro dai contribuenti italiani per gestire il traffico. E ci siamo mantenuti ‘bassi’.

E con l’ultimo caso della Diciotti, hanno dimostrato di avere un immenso patrimonio immobiliare inutilizzato:

Il Vaticano ha accolto 100 migranti della Diciotti. Il sottosegretario Cei spiega l'accordo con il Viminale [LEGGI]

Posted by Il Fatto Quotidiano on Sunday, August 26, 2018

Che potrebbe essere usato per ospitare gli italiani senza casa. Invece lo tengono in caldo per favorire la Grande Sostituzione Etnica: c’è un preciso piano eversivo.

E allora: la prima nazionalizzazione da fare, prima di Autostrade, è quella dell’immenso patrimonio ecclesiastico che non è utilizzato per il sostentamento e il vitto del clero. Quelle case vuole sono dei poveri italiani. C’è scritto anche nel Vangelo.

La Chiesa si è già scagliata con una violenza degna di altri temi contro il decreto Salvini che abolisce la ‘protezione umanitaria’ e contro la chiusura dei porti.

Due misure che, di fatto, eliminano con un tratto di penna migliaia di ospiti pagatori della Caritas.

Avete mai sentito vescovi e Papa scagliarsi con tale animosità contro chi assassina bambini prima che questi escano dalla pancia della mamma? No.

Mesi fa, il giornale dei Vescovi, che ce l’ha con Salvini per la fine dei finanziamenti pubblici ai giornali:

Fatt i conti su quanto rendono alla Chiesa i ‘profughi’:

La Caritas italiana fa il punto della situazione. Attualmente i profughi ospitati in strutture riferibili alle diocesi e alle Caritas diocesane sono 23mila. Di questi, 20mila sono in regime di convenzione con il Ministero dell’Interno, secondo le normative vigenti. Di questi 20mila, 5mila sono negli Sprar, 15mila nei Cas. “Concretamente – sottolinea Oliviero Forti, responsabile del settore politiche migratorie e protezione internazionale di Caritas italiana ¬– ciò significa che per ogni rifugiato accolto viene corrisposta una diaria, i famosi 35 euro di cui tanto si parla, ma anche su questo occorre fare chiarezza”.

Facciamo chiarezza: 23000x35x365=255.500.000 , significa che ogni anno, i contribuenti italiani versavano al Vaticano più di un quarto di milione di euro.

Con questa cifra potremmo assistere tutti i disabili gravi italiani.

E visto che il business Vaticano con i profughi va avanti ormai dal 2011, e che mediamente il numero di ‘ospiti’ è rimasto tra oscillazioni varie quello di oggi, facciamo un altro calcolo, e scopriamo quanto avremo versato al Vaticano e alla Caritas alla fine di quest’anno: 255.500.000×8=2.044.000.000 , ovvero oltre 2 miliardi di euro!

Se tenete conto che la media di chi è ospite delle strutture per la ‘protezione umanitaria’ ora abolita da Salvini, comprese quelle gestite dalla Chiesa, è di oltre la metà, allora è chiaro perché Caritas e compagnia siano contrari: si sono pappati oltre 1 miliardo che non avrebbero dovuto papparsi. E i loro incassi per i prossimi anni si dimezzeranno, minimo.

Se poi contate la chiusura dei porti, allora si azzereranno: e questo, loro non lo vogliono tollerare.

Ma dovranno farlo. Perché la pacchia è finita. E proprio ieri, Salvini lo ha spiegato ai vescovi: “Mi spiace se qualcuno da parte del Vaticano, oggi ho visto che la Cei ha invitato ad accogliere: abbiamo già accolto abbastanza, adesso dobbiamo occuparci e preoccuparci degli italiani”.

Ma questi non rendono alla Caritas.




2 pensieri su “Crollano donazioni, Vaticano in deficit per 70 milioni di euro”

  1. Mi sono fatta l’idea che la messa domenicale è un ottimo pulpito per chi vuole spiegare le proprie ragioni contro il clero e contro lo stato, aspettando il momento della predica, i fedeli saranno inizialmente incuriositi, non avranno l’ardire di alzarsi e andarsene. Anche in compagnia di un negro racattato fuori del sagrato magari, intanto così non sei tacciato di razzismo e poi anche lui potrebbe esternare il suo dissenso verso chi, in cambio di spiccioli, abusa in tutti i modi. Queste situazioni l’ho già create in altri contesti, per insorgere contro le ingiustizie verso il popolo.
    Il vaticano deve chiudere definitivamente bottega. Anche la stazione di Milano è un ottimo centro di reclutamento, se ci sono lettori di Vox volontari possono raccogliere il malcontento degli africani che sommato ai pochi attivisti italiani che lottano contro il pd & company potrebbero/potremmo dare vita all’unica forma di ribellione che da risultati: l’insurrezione.

Lascia un commento