Toghe archiviano inchieste contro sconfinamenti della polizia francese

Condividi!

Quasi a suggellare la sottomissione voluta dal governo del ribaltone, ieri la procura di Torino ha archiviato le inchieste contro gli sconfinamenti con respingimenti illegali di clandestini verso l’Italia da parte della polizia francese

“Proprio nel giorno dell’incontro tra Conte e Macron la Procura di Torino annuncia l’archiviazione dei procedimenti penali avviati contro gendarmi e doganieri francesi responsabili di respingimenti illegittimi di immigrati in Italia e operazioni di polizia non autorizzate sul nostro territorio presso la stazione ferroviaria di Bardonecchia: una violazione inconcepibile della sovranità italiana sui propri confini che non può rimanere impunità con la resa preventiva delle istituzioni nazionali”, attaccano Maurizio Marrone, capogruppo di Fratelli d’Italia in Consiglio Regionale del Piemonte, e Augusta Montaruli, parlamentare FDI.

VERIFICA LA NOTIZIA

“Ora rischiamo un ritorno al respingimento selvaggio da parte delle autorità francesi, con immigrati di nuovo abbandonati nei boschi e nelle statali dei paesi italiani di frontiera, con l’inverno alle porte. Anzitutto presenteremo una interrogazione parlamentare per capire se questo governo inginocchiato a Bruxelles e a Parigi trovasse mai un sussulto di orgoglio”.

“In ogni caso presenteremo anche un ordine del giorno in Consiglio Regionale del Piemonte affinché la Regione presenti formalmente opposizione all’archiviazione, a tutela dei suoi confini per impedire che le montagne piemontesi diventino un campo profughi grazie all’arroganza francese”.

La vicenda durante il governo PD:

Bardonecchia, siamo diventati il cesso francese

Bardonecchia: dov’erano gli agenti italiani?

La sovranità non l’abbiamo perduta a Bardonecchia: ma nel Canale di Sicilia




Lascia un commento