Israele, panico per partiti arabi al governo

Condividi!

Interessanti elezioni in Israele. I risultati reali ci saranno in mattinata, ma intanto emerge la possibilità del fronte dei partiti arabi – la popolazione di Israele è per il 20% araba – per la prima volta al governo.

Non è mai accaduto nella storia di Israele. Perché viene vista come una minaccia all’esistenza dello Stato che, al di là dell’ipocrisia, gli Ebrei vedono come Stato degli Ebrei.

Questo mima quanto sta accadendo in Europa. Soprattutto in Francia, presto, potremmo avere una situazione simile, con un partito islamico che potrebbe andare al governo in coalizione con la sinistra.

Poco fa Netanyahu ha tenuto un duro discorso:

“I said the election was hard. That’s not the word,” says Netanyahu.

“We faced a campaign that was so tilted against us by the biased media, so against us,” he says.

“We’re still waiting for the results. But one thing is clear, the State of Israel is at a historic turning point. We are facing immense opportunities, and immense challenges… including the existential threat from Iran,” says Netanyahu.

He praises the soaring Israeli economy and flourishing diplomatic. And he says Israel must ensure these achievements continue.

The Trump administration will soon unveil its peace plan, and the negotiations over it will shape Israel for years, he says.

In the face of this, Israel needs “a strong government, a stable government, a Zionist government, a government that is committed to Israel as the homeland of the Jewish people,” Netanyahu says.

There cannot be a government that relies on the anti-Zionist Arab parties, he continues. “Parties that praise and glorify blood-thirsty terrorists who kill our soldiers, our citizens, our children.”

He is interrupted by chants of “we don’t want unity.”

Netanyahu says he spoke to his prospective coalition partners, who all stand with him, and will soon launch negotiations to create a “strong Zionist government” and thwart the formation of a “dangerous anti-Zionist” government. “We will protect this country,” he vows.

E’ l’esaltazione di Israele come Stato etnico degli ebrei. Esattamente quello che noi vorremmo in Italia per gli italiani.

Alla fine è probabile la nascita di un governo che, come sempre, terrà fuori gli arabi. Ma non potrà durare a lungo questa farsa. Presto dovrà essere ufficializzata, perché gli arabi cominciano ad essere troppi.

Queste elezioni dimostrazione che la democrazia non sopravvive alla ‘diversità etnica’.




Un pensiero su “Israele, panico per partiti arabi al governo”

Lascia un commento