Due minori massacrano e stuprano 90enne: lei piena di fratture, loro in centro accoglienza

Condividi!

Due minorenni, sabato pomeriggio, hanno convinto un’anziana di 90 anni ad aprire la porta di casa e una volta entrati in casa, l’hanno picchiata e minacciata, poi hanno messo a soqquadro l’abitazione in cerca di denaro ed oggetti preziosi e sono scappati.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ad avvertire la polizia la figlia della vittima. Gli agenti hanno trovato la donna cosciente, a terra, con il volto tumefatto e sanguinante.

I poliziotti sono riusciti a risalire al 17enne, già noto alle forze dell’ordine, e al 14enne e, dopo alcune ore, li hanno fermati con gli abiti ancora macchiati di sangue.

Gli agenti hanno sequestrato un coltello a serramanico ed oggetti dell’anziana. Sono stati arrestati con l’accusa di rapina aggravata, tentato omicidio e violenza sessuale ed indagati a piede libero per il reato di porto di strumenti atti ad offendere.

La 90enne è stata ricoverata in prognosi riservata con fratture multiple e contusioni escoriate in varie parti del corpo. Inoltre, dalle visite cliniche effettuate è emersa ai suoi danni anche una violenza sessuale.

I due minori arrestati sono stati condotti presso il Centro di Prima Accoglienza presso il Tribunale per i Minorenni di Messina, a disposizione dell’autorità giudiziaria.

«Quello che abbiamo visto – spiega il capo della squadra Volanti di Messina, Giovanni Puglianisi – è stato sconvolgente la povera anziana era a terra dolorante e sotto shock, non riuscendo a muoversi. Aveva numerose contusioni e fratture ed è stata portata al Policlinico di Messina in gravi condizioni, ma non in pericolo di vita. I medici si sono riservati la prognosi».

«I due, come ci ha detto la vittima, erano due conoscenti e lei li ha fatti entrare in casa senza problemi. Sono riusciti a rubare le chiavi dell’appartamento, che si trova in pieno centro a Messina, e sono tornati qualche ora dopo. – aggiunge Puglianisi – Un volta varcata la soglia, i due hanno cominciato a rovistare nei cassetti alla ricerca di denaro e di oggetti preziosi. Hanno picchiato e aggredito la donna perché non voleva rivelare loro dove era nascosto il denaro e i preziosi e, prima di fuggire con un bottino di un paio di occhiali e una bici, l’hanno violentata. Un gesto gratuito, inspiegabile e gravissimo. L’anziana è riuscita a rivelare il nome dei due aggressori e li abbiamo rintracciati sul viale principe Umberto mentre a Messina mentre camminavano tranquillamente».

Questi due pezzi di merda hanno massacrato una novantenne e vengono indagati a piede libero. Piena di fratture e sanguinante, e queste due bestie finiscono in un centro di accoglienza.

E’ evidente che in casi come questi l’unica pena possibile sarebbe una pallottola in fronte, non importa l’età di chi ha commesso il ‘gesto’. Ma comunque, la galera sarebbe il minimo.




8 pensieri su “Due minori massacrano e stuprano 90enne: lei piena di fratture, loro in centro accoglienza”

  1. La novantenne li faceva entrare in casa abitualmente. Ha avuto quello che si aspettava, più qualcosina non preventivato:le botte.
    Bene cosi!
    Per gli utenti di Vox trovato pseudomonas nell’acqua Lete.
    Fanno lavorare in fabbrica gli stranieri affetti da qualsiasi patologia quei bastardi in modo che noi facciamo la fine degli indiani d’America.

  2. Non me la sento di colpevolizzare la donna, che ha 90 anni e a quell’età si ha l’ingenuità dei bambini, e che perciò si è fidata di quei due esseri. Troppo facile fare i forti e prepotenti con i soggetti più deboli e indifesi, e di episodi come questi sono sempre più frequenti perché abbiamo uno Stato che non tutela e protegge i secondi.

  3. Pochi anni fa la pensavo come te, ma sono stanca di sentire che li fanno entrare in casa con tanta facilità, tutti loro hanno conoscenti ai quali è accaduto qualcosa di simile, dunque dovrebbero sapere che le porte vanno tenute chiuse e certe frequentazioni sono nocive. Come mai una vecchia si tiene due ragazzini stranieri in casa? Non è normale guarda…
    Ieri al supermercato c’era la fila alla cassa e un anziana piddina sosteneva il suo partito, faceva propaganda. Spero che un fulmine la colpisca, ma se saranno i suoi protetti mi va bene ugualmente.

Lascia un commento