Petrolio boom: + 18% in pochi minuti di contrattazioni

Condividi!

L’annuncio del presidente Trump sull’
uso delle riserve petrolifere strategi-
che americane dopo gli attacchi alle
maxi raffinerie saudite arriva dopo una
prima impennata del greggio ieri sera.
I futures Usa del greggio sono saliti
del 15%, mentre i future della benzina
sono aumentati dell’11%, secondo la
Cnn, che cita come fonte Refinitiv,
fornitore globale di dati di mercato.

Il brent, usato nel mercato petrolifero
europeo, è cresciuto del 18%.




4 pensieri su “Petrolio boom: + 18% in pochi minuti di contrattazioni”

  1. Noi bianchi democratici occidentali, che per proteggere gli Ebrei da un nuovo olocausto sacrificheremmo e sacrificheremo volentieri le nostre vite e quelle dei nostri figli, non possiamo che assistere con sgomento e disperazione alla progressione degli accadimenti del medio oriente. Preghiamo tutti per la sicurezza e l’incolumità dei nostri fratelli maggiori che vivono e prosperano nella civile nazione israeliana, faro di pace e di civiltà in quelle areee martoriate. Possa il poderosi e risoluto intervento degli Stati Uniti stroncare ora e per sempre la sedizione antidemocratica e illiberale dello stato canaglia di Iran. Viva gli Ebrei, abbasso l’olocausto terribile che dobbiamo espiare attraverso la distruzione della nostra razza bianca e cristianache tanto male gli ha fatto.

    1. Sono certo che con Khomeini al comando avremmo meno problemi coi travestiti. Aggiungo che questo intervento a cui sto rispondendo potrebbe essere di David, il principe della gnagna promessa: uno dei personaggi che interpreto su Twitter. Non c’è patata elamita che possa resistere al suo fascino e il suo sionismo è superato solo dal numero delle sue conquiste.

Lascia un commento