Porti aperti, sarà invasione: immigrati festeggiano e puntano all’Italia

Condividi!

Se n’è accorto anche Vespa, a parte l’ecumenico ‘benissimo’ di chi non sa prendere posizione netta su nulla. Del resto, se l’avesse fatto, non sarebbe sopravvissuto decenni nello zoo della Rai:




2 pensieri su “Porti aperti, sarà invasione: immigrati festeggiano e puntano all’Italia”

  1. Non prendiamoci in giro, gli africani che sbarcheranno in Italia, rimarranno in Italia, ma non solo perché gli altri paesi UE (giustamente) non li vogliono, perché il PD tornato al governo vuole che rimangono per far ripartire il business dell’accoglienza.

  2. Secondo me non ha alcuna importanza se gli stati europei poi li ricollocano, è proprio quello cui vogliono arrivare così da poter inondare di africani anche i paesi dell’est europa, notoriamente refrattari ed ancora etnicamente omogenei, perlomeno con razze europee al loro interno. Vogliono usare l’Italia come hub, ma il vero scopo non si limita certo alla penisola, ma è l’Europa intera, ed uso il maiuscolo stavolta. Creare un popolo nuovo meticcio, lo hanno detto apertamente in più occasioni, e la strada passa per l’Italia, dovremmo salvaguardare anche l’Europa perché noi ne facciamo parte come storia e cultura, anche se politicamente dobbiamo rimanere ben distinti da francesi, tedeschi, spagnoli e slavi vari. Purtroppo non è stato fatto abbastanza per far passare il concetto che non cambia assolutamente nulla se ‘se ne fa carico l’europa’ dell’immigrazione, anzi, è proprio quello che vorrebbero per inondare anche la più piccola contrada e rendere il futuro meticcio irreversibile. In questo modo pensano che facendo questi accordi con la ue e gli stati europei poi si toglierà un’arma di propaganda forte a Salvini e ci vorranno anni prima che il popolo capisca che o di riffa o di raffa cambierà ben poco dove verranno messi, il processo di sostituzione andrà avanti indisturbato fino a formare quella massa critica che poi sarà intoccabile. Quando commettono reati poi non le stesse ff.oo. lasciano perdere perché ‘altrimenti si rivolterebbero. E di fatti sono liberi di delinquere e poi vanno a rifugiarsi nelle banlieu e se uno ci rimane secco ecco che infatti scatenano una rivolta vera e propria.
    Deve invece passare l’idea che gli africani devono rimanere in africa. Ma, se proprio i francesi, i tedeschi, e gli svedesi in testa, vogliono diventare neri, ebbene non useranno i porti italiani.

Lascia un commento