Italiano massacrato da africani, 22 punti di sutura: «Si sentono protetti, sarà guerra» – VIDEO

Condividi!

Rosarno, zona occupata. Michele Oppedisano, uno degli italiani aggrediti dal branco di africani, ne è uscito con 7 punti in testa e 15 al braccio. Nella foto in alto, invece, una vicenda identica accaduta in un paesino del nord: perché gli immigrati ci stanno massacrano ovunque.

La vicenda:

Branco immigrati assalta bagnanti italiani sulla spiaggia: la reazione è furibonda

Il rosarnese, intervistato ieri dai giornali locali, mette in guardia sulla crescente tensione che ormai pare avere minato ogni possibilità di convivenza civile tra le due comunità: «Gli africani si sentoni protetti, se li guardi male ti vanno a denunciare. Così si rischia che ogni quartiere di Rosarno si trasformi in un campo di battaglia».

Rosarno, 38 case che il PD non vuole dare agli italiani

Rosarno: donna rapita e stuprata da numero imprecisato di africani

Rosarno: la città dove comandano i clandestini – VIDEO




5 pensieri su “Italiano massacrato da africani, 22 punti di sutura: «Si sentono protetti, sarà guerra» – VIDEO”

  1. Riguardo a Rosarno e la vicenda che Vox ha riportato, di quella donna sequestra, ma scusate questa ha fatto amicizia su fb col negro, l’ha incontrato, evidentemente apprezzava. Quindi ha avuto esattamente quello che meritava. La chiamate “incauta” siete dei veri gentlemen, gli aggettivi adatti sono ben altri.

    1. hai perfettamente ragione: tutte queste italiane che danno confidenza a questi negri dopo non possono lamentarsi di essere state stuprate, se la vanno proprio a cercare. Per loro la donna non vale nulla e se qualcuna risponde con amicizia pensano soltanto che sia una donna di strada e quindi lo stupro è dovuto

Lascia un commento