Immigrati prendono a sassate ragazzino, poliziotti non li arrestano: “Potrebbero rivoltarsi”

Condividi!

Volevano ucciderlo, quando l’altra notte gli hanno lanciato contro una grossa pietra, mentre il ragazzino transitava in scooter davanti al centro di accoglienza che ospita un centinaio di immigrati.

VERIFICA LA NOTIZIA

La vittima è un giovanissimo brindisino di 17 anni, colpito alla testa dal grosso sasso mentre con il suo scooter faceva ritorno a casa.

Era circa l’una di notte quando il giovane, di rientro da una serata al cinema con gli amici, stava percorrendo la strada per raggiungere la sua abitazione. Transitando davanti al dormitorio, dove trovano ospitalità circa un centinaio di immigrati, qualcuno di loro ha pensato bene di lanciargli addosso una grossa pietra dall’interno del cortile. Il sasso è finito dritto in testa al giovane che fortunatamente indossava il casco e per questo motivo non ha avuto conseguenze mortali.

E’ stata questione di attimi, il ragazzo ha sbandato ma è riuscito comunque a mantenere il controllo del mezzo, nel frattempo una vettura sopraggiungeva alle sue spalle. Un tentativo di omicidio.

«La pietra è piombata sulla sua testa, si è spaccata in due, una parte è rimbalzata prendendo lateralmente lo scooter sfasciando la plastica e l’altra parte cadendo sul manto stradale è finita sotto l’auto che si trovava alle spalle di mio figlio, ed ha forato» racconta ancora sotto shock il padre del 17enne. «Se mio figlio fosse scivolato l’auto gli sarebbe andata sopra. O se invece del ragazzo con il casco ci fosse stato un tipo in bicicletta lo avrebbe ucciso».

Volevano ucciderlo. Ma il ‘bello’ deve ancora venire. E segna il cambio di ministro al Viminale.

Sul posto è infatti intervenuta una volante della polizia, ma quando le vittime hanno chiesto agli agenti di entrare nella struttura per individuare i colpevoli, i poliziotti hanno rifiutato per “motivi di ordine pubblico”: «Mi hanno detto che per ragioni di opportunità non si poteva entrare di notte nella strutura» riferisce il padre del giovane.

Roba da matti: la polizia non può entrare perché sennò gli immigrati si incazzano e scoppia la violenza.

«Io sono molto preoccupato. Non si può tollerare una cosa simile, non si può stare con l’ansia che quando passi là davanti ti tirano le pietre. Ma poi io ho anche una ragazzina che torna a casa a piedi da sola, percorre quella strada. Io sono seriamente preoccupato. Se c’è un problema qualcuno deve intervenire, io da genitore cosa posso fare, posso fare ben poco».

Il lancio di sassi dal cortile del dormitorio non è un caso isolato, secondo le testimonianze dei residenti si sono già verificati diversi episodi simili: «Sono due in particolare – dicono – che tirano le pietre dalle inferriate, preferibilmente la sera. Quando pensano che nessuno possa vederli. Sicuramente si tratta di gente disturbata perché certi gesti le persone normali non li fanno».

Il 17enne con lo scooter ha rischiato grosso la scorsa notte, a vedere le due metà della pietra lanciata dritta in testa si può solo immaginare cosa sarebbe accaduto se il ragazzo non avesse avuto il casco a proteggerlo, senza contare il pericolo di finire investito dall’auto che era alle sue spalle se avesse perso il controllo della moto e fosse caduto sull’asfalto.

Ma è vietato cercare i colpevoli né, tantomeno, arrestarli. Potrebbero scatenare le violenze.




4 pensieri su “Immigrati prendono a sassate ragazzino, poliziotti non li arrestano: “Potrebbero rivoltarsi””

  1. La grande colpa di Salvini e’ stata quella di voler combattere allo stesso tempo gli immigrati (giustamente) e le mafie italiane tipo appunto Mafia Camorra e simili. Le Mafie in realta’ sono la parte piu’ sana del tesduro sociale Italuano, amano la religione ed i rapporti di sangue, sono tradizionaliste. Sul fronte dell’immigrazione avrebbe dovuto cercare l’appiggio della Mafia, coinvolgerla negli affondamenti delle navi negriere delle ONG, servirsene per l’ordine pubblico. Invece e ha combattute pretestuosamente e platealmente, almeno a parole.

  2. In ogni caso i poliziotti patrioti sono quelli che con questo governo lasciano gli immigrati liberi di stuprare rubare ed uccidere, questo perchè vivendo purtroppo in una democrazia abbiamo bisogno di tanto dolore degli italiani derubati violentati e uccisi perchè votino per un regime che scaccia tutti i forestieri o comunque li fa scappare. In un mondo ideale le persone impaerebbero fin da bambini nelle scuole che nero è brutto e straniero comunque non è bello, ma per quello ormai è tardi.

  3. Io, 77

    Oggetto: immigati
    Ora mi so rotto.Perche’ devo ricevere i migranti.??
    Esempio- Italia non li vuole, poi Austria,Slovenia,Croazia,Belgio, ecc.ecc. mettiamo che Europa non li voglia.
    Allora che vadano in Russia, India,Sud Africa, Stati Uniti, Cina, Corea Nord e Sud, Argentina, Canada, Messico ecc ecc ecc
    Ricordo che i migranti Italiani,( io compreso,Germania 1960/67) li hanno accolti in tutto il mondo e gli hanno voluto bene.Erano, bravi educati, e se uno sbagliava a casa.
    Conclusione:
    Immigati da Nord Africa, Africa
    E tutti gli altri paesi che non siano del Mec , Europa, non devono più venire.Siamo Pieni.
    Che vadano altrove.
    Ma ce bisogno di manodopera.
    Lo devono fare gli europei. Ma guardi che nessuno vuol fare quel determinato lavoro.
    Nooo, chi vuol mangiare Deve Lavorare, figli di papa anche.
    Altrimenti???? Pane e acqua e bocca chiusa.
    Se le chiese li vogliono, se li portano nelle missioni. Fine
    Fine

Lascia un commento