Controllori ridotti così da immigrati, donne trascinate fuori dal bus – FOTO

Condividi!

Una donna scaraventata fuori da un bus, un uomo derubato e un controllore pestato. E’ la giornata degli immigrati oggi a Milano.

VERIFICA LA NOTIZIA

Arrestati per questi crimini un algerino di 38 anni che, attorno alle 15.30, ha sottratto il cellulare a una 45enne. Beccato dagli operatori di sicurezza ha prima riconsegnato l’oggetto rubato alla donna e poi l’ha scaraventata a terra per darsi alla fuga. Ma è stato raggiunto e arrestato.

Circa cinque ore più tardi è stata, invece, un libanese di 33 anni, con precedenti per furto e possesso di sostanze stupefacenti, ha avvicinato una donna di 44 anni e l’ha trascinata fuori dal mezzo pubblico e scaraventata a terra per scipparle la collanina. Fermato dagli agenti, ha presentato un documento contraffatto del governo tedesco. Gli agenti lo hanno arrestato per reati di rapina impropria aggravata e possesso di documenti falsi.

E’ stata poi la volta del solito immigrato che viaggiava senza biglietto e non voleva pagare la multa, che ha picchiato due controllori. Un controllore si è ritrovato con la camicia a brandelli, l’altro con alcuni lividi e una ferita alla testa.

“È assurdo che in una città come Milano gli episodi di criminalità a bordo dei mezzi siano una costante quotidiana: quasi sempre si tratta di stranieri che hanno problemi con la giustizia o che non dovrebbero essere nel nostro paese. Perché il Comune non organizza una tavolata multietnica anche per questi soggetti?”, questa la denuncia di Silvia Sardone, consigliere comunale ed europarlamentare della Lega. “La sinistra ha aumentato il costo del biglietto, ma sul lato della sicurezza continua a non fare nulla lasciando milanesi e turisti in balìa di rapinatori e incivili. Le mie proposte di installare i tornelli sui mezzi di superficie e reintrodurre la figura del bigliettaio sono sempre attuali: l’amministrazione lasci da parte l’ideologia e le prenda seriamente in considerazione”.




Lascia un commento