Salvini: “Pd-M5S aprono i porti per fare soldi” – VIDEO

Condividi!

Buonasera Amici, qui Spello (Perugia).Insieme, il 27 ottobre si cambia anche in Umbria. State con noi!

Posted by Matteo Salvini on Wednesday, September 11, 2019

“Ho sentito che Zingaretti vuole riaprire i porti alle ong. Vogliono tornare a far quattrini…”, ha esclamato Matteo Salvini in un comizio a Spello (Perugia). Il leader della Lega non ha dubbi in merito e ha aggiunto che chi vuole entrare in Italia “deve passare attraverso gli stessi controlli che hanno avuto i nostri nonni quando andavano all’estero”.

La linea del leader del Carroccio è chiara. Così è sempre stato. Ma ora i gialli e i rossi potrebbero veramente stravolgere tutto quello fatto fino ad ora. “Oggi è l’11 settembre – ha aggiunto Salvini -. Quando qualche disgraziato dice di riaprire gli porti, voglio che chi arriva in Italia sia controllato come capitava ai nostri nonni all’estero. Poi ci arrivano stupratori, scippatori e qualsiasi roba. Accogliere sì, dare rispetto sì, ma quantomeno richiedere lo stesso rispetto. C’è chi arriva in Italia e dice niente crocifisso: non siamo mica noi in Umbria a cambiare in base a quello che dici tu”.

“Le parole di Conte a Bruxelles? Chiacchiere. Ormai gli italiani ai suoi voltafaccia sono abituati”: Matteo Salvini lo ha detto a margine di un’iniziativa della Lega a Spello per le regionali in Umbria.

“E’ passato nell’arco di qualche giorno dal Governo con la Lega a quello con la sinistra…” ha sottolineato il leader del Carroccio parlando del presidente del Consiglio. “Però – ha aggiunto – lo valuteremo dai fatti. E se i fatti sono bloccare la flat tax e quota 100 e riaprire i porti sono pessimi fatti”.

“So che il Governo Conte-Monti – ha detto ancora Salvini – è nato fra Parigi, Berlino e Bruxelles. E infatti oggi dove si trova? Dai suoi datori di lavoro a Bruxelles. Non so cosa ci sia dietro ma prendo atto che il Governo con la minor fiducia del popolo nella storia della Repubblica, nato da un tradimento, è più interessato ad ascoltare la Merkel e Macron che i cittadini italiani”.




Lascia un commento