Il governo riapre i porti: ​via libera a sbarchi navi Ong e militari straniere

Condividi!

Con l’arrivo del prefetto Lamorgese alla guida del Viminale, Conte, il Pd e il M5S si preparano a smantellare quanto fatto dal leader della Lega e riaprire i porti.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ci risiamo. Riaprono i porti come prima di Salvini, quando tutte le navi militari Ue scaricavano clandestini in Italia con la promessa, ovviamente mai mantenuta, di “redistribuirli poi nel resto della Ue”: che non solo è un crimine contro la nostra civiltà, ma anche qualcosa che tanto non avverrà mai.
VERIFICA LA NOTIZIA

L’obiettivo è dichiarato: accettare gli sbarchi delle navi delle Ong e dei mezzi militari Ue con una nuova ‘operazione Sophia’, impegnati nel traffico in tutto il Mediterraneo, con la promessa che almeno una parte dei clandestini potranno trovare ospitalità negli altri Stati dell’Ue.

Questa è la folle “strategia” che il premier golpista Giuseppe Conte sta mettendo a punto con i titolari del Viminale, Luciana Lamorgese, e della Farnesina, Luigi Di Maio.

E punta a prendere le distanze dai respingimenti dei clandestini voluti da Matteo Salvini.

E dunque la lettera inviata dal ministro degli Esteri francese Jean Yves Le Drian proprio a Di Maio «per avere relazioni più costruttive»: ovvero farsi cacare in bocca dal resto d’Europa.

Non per nulla, Lamorgese è il prefetto che con il ministro Marco Minniti mise a punto il protocollo poi applicato a Milano per la cosiddetta «accoglienza diffusa». Ovvero la diffusione capillare sul territorio dei coloni. Obbligando i comuni riottosi fino alla minaccia di requisizioni forzate di immobili, come poi avvenuto in altre zone d’Italia:

Nuovo ministro Interno: "Confiscare immobili per darli ai profughi"

Così minacciava chi resisteva all'accoglienza forzata, quando era prefetto al tempo del PD. Ora è ministro. https://bit.ly/2lGECnO

Posted by Forze Armate Italiane FF. AA. on Thursday, September 5, 2019

In pratica l’Italia diventerà l’hub in cui le Ong scaricheranno i clandestini che poi verranno distribuiti, con calma e solo in parte. Insomma, Pd e M5s puntano a riportare le lancette al tempo di Mare Nostrum e trasformare, di nuovo, l’Italia nel campo profughi della Ue.

E per diffonderli sul territorio si pensa a una gestione di piccole strutture per i clandestini, proprio come avviene a Milano, città assediata dai clandestini.

Alla Commissione Ue il Conte Bis si renderà disponibile a far sbarcare in Italia i clandestini ottenendo però una “distribuzione ‘preventiva’ dei migranti che arriveranno in Italia”. Di più: secondo il quotidiano di via Solferino, il governo si prepara a “accettare gli sbarchi delle navi delle Ong e dei mezzi militari impegnati nei soccorsi nel Mediterraneo, con la garanzia che almeno una parte degli stranieri potranno trovare subito ospitalità negli altri Stati dell’Ue”.

Questo avveniva già al tempo del PD, quando Renzi firmò il famigerato accordo poi stracciato da Salvini:

Oggi, 4 anni fa, Renzi firmava accordo per scaricare tutti i clandestini in Italia

Il “modello Triton-Sophia”, con la “gestione condivisa del controllo delle frontiere marittime”. Un sistema che ha portato di fatto tutti i clandestini in Italia, visto che l’accordo prevedeva che “tutte le unità navali che partecipano all’operazione e che operano sotto il comando di Roma sono state autorizzate dall’Italia a sbarcare sul suo territorio, in condizioni di sicurezza, le persone intercettate e salvate”. In cambio il Viminale, insieme al ministero degli Esteri di Di Maio, potrebbe chiedere all’Ue la fissazione di quote di redistribuzione dei migranti. Cosa che non avverrà mai. All’idea di quote obbligatorie, infatti, già in passato diversi Paesi hanno sempre risposto NO.

Il governo si accontenterà della semplice “disponibilità degli altri Stati ad accogliere i migranti quando sono a bordo delle navi”, come già avvenuto in passato. Anche al tempo di Renzi esisteva questa promessa: che è sempre rimasta lettera morta:

Il flop dei ricollocamenti firmati da Renzi: gli immigrati restano in Italia

E allora ecco cosa accadrà, le ong riprenderanno il traffico, e torneranno ad utilizzare i porti italiani come luoghi dove scaricare i clandestini: ogni volta, alcuni Paesi Ue ‘prometteranno’ di prendersene una parte, ma rimarranno tutti in Italia.

E siccome sarà altamente improbabile per il governo del ribaltone ribaltare i decreti Salvini, vista la presidenza leghista delle commissioni parlamentari e la non maggioranza in quella sulle riforme costituzionali in Senato, allora il Pd-M5s vuole aggirare le norme non firmando più i divieti di ingresso per le navi delle Ong. A cominciare dall’Ocean Viking, nave non a caso di una Ong francese che ha già 50 clandestini prelevati ieri sera in Libia:

Anche perché i parlamentari scafisti, quelli che hanno speronato motovedette italiane insieme a Rackete, ora sono al governo. E sono decisivi al Senato:

Tutti noi sappiamo quale sarebbe la soluzione finale al problema: riportarli tutti indietro. Salvini aveva cominciato, facendo crollare gli sbarchi del 97% rispetto al picco del 2017. Fermandosi dal passo che li avrebbe azzerati: riportarli indietro.

Ma ci voleva la collaborazione del ministro della Difesa che, come abbiamo scoperto, lavorava per e con il nemico.

Lo farà il prossimo governo eletto. Prima di quanto qualcuno immagini. Forse molto prima.




3 pensieri su “Il governo riapre i porti: ​via libera a sbarchi navi Ong e militari straniere”

  1. Buongiorno VOX… chiedo solo un chiarimento: voi terminate il qui presente articolo con la frase “Forse molto prima”. Premesso che vorrei tanto, ma tanto che aveste ragione, potrei sapere su che basi mostrate questa fiduciosa “profezia”, visto e considerato che, come ben sappiamo, questo lercio “governo” è stato voluto, imposto e costruito da Bruxelles? Oltretutto (e qui spero di sbagliarmi), la mia impressione è che Salvini stia perdendo consensi a tutto spiano… voi che ne dite? Vi ringrazio della risposta, a presto.

    1. Io 77 anni,
      Caro robipersico,
      Mi sembrano domande fuori luogo.

      Ma vogliamo noi diventare magazzino di migranti.
      Chi li manda oggi, Nessuno.
      Chi li va a prendere Ora , la sinistra, perché si annegano, no.
      Perché così il PD anneghera’ con i miliardi dei migrannti x caso.
      Porti aperti, Venghino, Venghino, ce’ posto x tutti.
      Poi quando vi abbiamo sistemati in Albergo, lavoro ??
      Cazzi vostri.
      No cazzi miei, perché il Pd e 5S mi ciucianno nel mio portafogli.
      Vafffa da io 77

Lascia un commento