Giuseppi contestato in aula: si levano i cori ‘Elezioni’ e ‘venduto’

Condividi!

“Venduto, venduto”. Così il premier à la carte Giuseppi Conte è stato contestato dalla sua ex maggioranza durante la sua replica alla Camera.

E poi interrotto dal grido “Buffone, buffone” e da “Elezioni, elezioni”.

Il fatto che sia passato dall’essere contestato da una parte e ora dall’altra dà la misura del degrado etico di questo personaggio. Una sorta di escort della politica.




Lascia un commento