Travolto e ucciso da albanese, la mamma: “voglio giustizia”

Condividi!

Una mamma disperata. Davide, suo figlio, è una delle tante vittime degli immigrati.

VERIFICA LA NOTIZIA

Davide Marasco, di 24 anni, nato a Sassari e cresciuto a Roma, il 27 maggio scorso è stato travolto da un’auto, mentre col suo scooter, alle 3 di notte, viaggiava sulla Casilina, a 200 metri dal panificio in cui doveva prendere servizio. Alla guida un cittadino albanese ubriaco che aveva imboccato la strada contromano e ad altissima velocità con un’auto di lusso.

I nostri lavorano, ‘loro’ girano contromano con auto di lusso. Magari di ritorno dallo spaccio.

Maria Grazia Carta, insegnante di Nuoro, è una mamma che lotta per avere giustizia dopo essersi sentita “abbandonata dalle istituzioni”.

“Una morte annunciata” per Maria Grazia: Davide muore sul colpo, lasciato a terra per ore senza che nessuno lo comunichi alla famiglia, informata della tragedia solo dai social. La donna ha lanciato un appello: vuole giustizia per suo figlio.

Gli albanesi entrano in Italia senza visto. Per questo da noi arriva la crème criminale di Tirana e Durazzo.




3 pensieri su “Travolto e ucciso da albanese, la mamma: “voglio giustizia””

  1. Io se fossi all’opposizione andrei in tv citando queste disgrazie, purtroppo non vengono divulgate dalla rai alle 8 e i più non hanno la più pallida idea di quello che sta succedendo, comprese le idee pazzesche dei kalergiani. Ripeto la gente non sa, per questo critico Salvini che continua a dire sempre “meno viaggi meno morti”
    Non è un successo, almeno io non lo percepisco come tale se i fottuti non muoiono, mentre queste notizie ti fanno andare “il sangue al cervello”

Lascia un commento