Comuni in bancarotta per troppi immigrati: “Non lavorano e campano di sussidi”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Il comune svedese di Hässleholm, che ha accolto quasi 3.000 richiedenti asilo in tre anni, sta affrontando una grave crisi finanziaria per colpa dei costi sostenuti nel mantenimento dei migranti.

Lo stesso accade in tanti comuni italiani:

Comuni in bancarotta per mantenere i figli degli albanesi: 1 miliardo di euro

Il comune di Filipstad sta affrontando una crisi economica a causa di un afflusso di immigrati scarsamente qualificati, che fanno affidamento sui sussidi statali, aggravata dall’esodo di svedesi qualificati. Secondo il comune, almeno l’80% dei migranti extraeuropei è disoccupato e vive di sussidi.

A seguito della crisi migratoria del 2015, il piccolo comune svedese di Filipstad affronta una situazione lavorativa “sempre più disperata” e ha oltre 31 milioni di corone svedesi (3 milioni di euro) da versare in sussidi solo quest’anno, secondo quanto riportato dall’emittente nazionale svedese SVT.

Tra il 2012 e il 2018, il numero di residenti nati nel comune è diminuito di 640 persone, mentre il numero di residenti nati all’estero è aumentato di 963 persone. “Le statistiche mostrano anche che i nati locali in età lavorativa (20-64 anni), che rappresentano le maggiori entrate fiscali per il comune, scelgono di andarsene”, afferma SVT.

“Siamo in procinto di assistere a un cambiamento nella popolazione. Si può pensare quello che si vuole, dipende dal tuo punto di vista, ma è solo un dato di fatto a cui dobbiamo fare riferimento ”, ha affermato Jim Frölander, responsabile dell’integrazione di Filipstad.

Mentre i locali in età lavorativa lasciano il comune a frotte, la disoccupazione tra gli immigrati sta aumentando vertiginosamente, poiché si rivelano scarsamente qualificati per i lavori esistenti. Il comune stima che almeno l’80% dei migranti extraeuropei siano disoccupati e vivano di sussidi.

“Circa 750 adulti provenienti da Siria, Somalia, Eritrea, Afghanistan e Iraq vivono a Filipstad. <...> In questo gruppo, la disoccupazione e la dipendenza dagli aiuti sono molto alte, mentre i livelli d’istruzione sono molto bassi. Questo gruppo corre il rischio di un’alienazione eterna che sta già gravando pesantemente sull’economia comunale”, ha affermato il capo del comune Claes Hultgren.

Secondo Hultgren, molti dei nuovi arrivati ​​non hanno i requisiti per entrare nel mercato del lavoro svedese.

“Alcuni sono troppo vecchi forse e persino analfabeti o hanno un livello d’istruzione molto basso. Dobbiamo quindi accettare che ci saranno alcune persone che avranno bisogno del sostegno della società per i loro mezzi di sussistenza ”, ha spiegato Hultgren.

Il consiglio comunale Per Gruvberger del partito socialdemocratico al potere ha richiesto che lo Stato intervenga e si assuma la sua responsabilità per la crisi causata.

L’immigrazione è solo un grande ‘schema ponzi’. E poi dicono che “ci pagheranno le pensioni”:




2 pensieri su “Comuni in bancarotta per troppi immigrati: “Non lavorano e campano di sussidi””

  1. Bisogna cambiare la legge sui minori non accompagnati.
    A chi vanno tutti quei soldi?
    Da chi sono stati messi sui barconi dopo varie peripezie per raggiungere la Libia e chi ha provveduto alla loro sicurezza e approvvigionamento?
    C’è sotto solo un grande business per i soliti truffatori.

Lascia un commento