L’omosessualità è quasi genetica: ma non dipende da un solo gene

Condividi!

Nessuno ha mai pensato fosse una questione di un unico gene: tutte le caratteristiche individuali e di gruppo dipendono dall’interazione di più geni, ovviamente.

Se fosse solo genetica, sarebbe scomparsa con l’evoluzione (non riproducendosi il ‘comportamento’ sarebbe stato eliminato come innaturale), anche se potrebbe esserci il fenomeno della simulazione che avviene per altri comportamenti innaturali e che ne permette il passaggio genetico. Molto più probabile dipenda da qualcosa che avviene nella pancia della mamma nei mesi di gestazione: qualcosa che deve avere a che fare con una sorta di ‘doccia ormonale’ che rende i maschi meno maschi e le femmine troppo maschili.




Un pensiero su “L’omosessualità è quasi genetica: ma non dipende da un solo gene”

  1. Se cosi’ fosse sarebbe incurabile, invece tanta gente guarisce sia da sola sia nelle comunita’ a furia di lavori forzati e cinghiate sia mediante l’intercessione della vergine Maria. Si tratta di un modo di essere del masochismo, forse la forma piu’ estrema e perversione ultima di questa malattia che altro non e’ che l’estremo adattamento del bambino ad un clima violento. Aprite i casini, fate sfogare i giovani con le famose navi scuola a pochi soldi e vedrete che si risolve pure il problema della droga.

Lascia un commento