Imam contro Salvini: non baci il Rosario, Italia non è cristiana

Condividi!

Inquietante unità di vedute tra Bergoglio e l’imam Abu Shwaima, a capo di una moschea abusiva di Milano.

L’imam vuole impedire a Salvini di mostrare i simboli cristiani che – a suo giudizio – vengono ripetutamente strumentalizzati in maniera del tutto inopportuna. Baci al rosario, esposizione di crocifissi e appelli alla Madonna.

VERIFICA LA NOTIZIA

Per il musulmano, a capo del Centro islamico di Milano e Lombardia (una moschea abusiva), il ministro dell’Interno “quando parla da ministro dell’Interno non può essere di parte, non può presentarsi come fedele. L’Italia è un Paese laico”. Laico ma cristiano, mettetevelo in testa. Il Cristianesimo per noi italiani non è esclusivamente una religione, è la civiltà millenaria greco-romana. E’ Plotino e Lepanto.

Secondo l’imam, insomma, l’Italia non è cristiana, ma ‘laica’, che poi significa permeabile all’invasione islamica, perché è così che ti conquistano: usando prima il laicismo come mezzo per entrare, e poi eliminandolo quando sono abbastanza numerosi.

Il segretario generale dell’Unione delle comunità e delle organizzazioni islamiche in Italia (Ucoii), diretta dipendenza dell’Arabia Saudita, ha rimproverato il bacio al rosario da parte di Salvini durante il discorso del presidente del Consiglio Giuseppe Conte al Senato: “Ha dimenticato il suo ruolo, ha dimenticato il fatto che in quel momento non rappresentava se stesso né il suo partito, ma il governo e tutto il popolo italiano”.

E il popolo italiano non è multireligioso. Semmai ospita alcuni fedeli di altre religioni e culture. Che si devono adeguare. O a casa.

Non sottovalutate il potere dei simboli, che oggi definiamo ‘memi’, è smisurato. Ed è questo che temono.

Quando Matteo Salvini ha mostrato per la prima volta il crocefisso al popolo ha scatenato forze che, probabilmente, nemmeno lui è in grado di comprendere.




9 pensieri su “Imam contro Salvini: non baci il Rosario, Italia non è cristiana”

  1. Purtroppo quello sterco di imam ha ragione, il grosso dell’Italia purtroppo è laico.
    Perchè se gli italiani fossero ancora cristiani avrebbero già cacciato a calci in culo i musulmani da tempo!

  2. I violenti seguaci di una pseudo religione inventata, che ha copiato dallebraismo e dal cristianesimo, comincia ad avere paura del risveglio delle proprie radici degli italiani. Buon segno che Salvini sta lavorando bene. Quando la mafia sta in silenzio, vuol dire che ha trovato accordi, quando si sente toccata, vuole mettere i puntini sulle i. Mettiamo le croci sugli architravi di tutti i condomini, e se all abusivo non piace, torni a casa sua.

  3. Mettere la croce sui portali? Mi sembra un film horror, dove usano la croce per scacciare gli spiriti del male dai. Obiettivamente, aborriamo il discorso solo perché esce dalla bocca del nemico. Istintivamente ci troviamo in disaccordo perché chi l’ha pronunciato non è di nostro gradimento. La realtà è che questo individuo non dovrebbe aver la possibilità di disquisire sui fatti che non lo riguardano. Sei ospite comportati educatamente e ringrazia il cielo che nessuno vi da un calcio in culo, questo sì!
    Però facciamo l’ipotesi che questa critica venga da una persona completamente diversa, magari un filosofo italiano ateo che simpatizza per la Lega, tuttavia non gradisce la commistione religione/politica. Quest’ultima deve essere al di sopra del credo di ognuno di noi. Deve perseguire esattamente come il codice civile e penale la rettitudine, la verità, l’onestà, uguaglianza.
    Vorreste essere giudicati in un tribunale c. o p. da un giudice che non tiene in considerazione i codici ma solo la sua distorta visione bigotta? Non credo.
    Temo inoltre che l’affermazione di Vox non sia del tutto corretta, loro non “hanno utilizzato il laicismo per entrare” ma l’opposto, facendo leva sul buonismo cattolico dei preti e dei credenti. A difesa della mia tesi vi porto ad esempio il discorso di Renzi a Salvini che ha citato versetti del vangelo sul valore dell’ospitalità. Se la politica fosse avulsa non sarebbe accaduto.

    1. Io son cristiana, non cattolica. Ma anche chi è ateo ha abbastanza intelligenza per capire che le nostre radici sono basate sul Cristianesimo. Mia madre era cristiana, mio padre no (ce l’aveva a morte con i preti, e non posso dargli torto). Ma in camera c’era il rosario appeso alla parete e mio padre non ha mai avuto da ridire. Nessuno aveva nente da dire quando l’attuale partito dei Dem si chiamava Democazia “Cristiana” e come simbolo aveva uno scuso con la croce, come lo avevano i crociati. Ormai si è diventati insensibili a tutto. Ci si infastidisce per una croce. Che schifezza. Io ho trascorso quasi un anno abitando in casa di arabi in Tunisia, e durante il giorno, mentre la mia amica era in ginocchio sulla “preghiera” a pregare perchè era il periodo del Ramadam, io ero seduta vicino a lei a recitare il rosario. Cosa c’è di così catastrofico? Niente. E’ solo la mente contorta di tante persone che non ci arrivano col cuore e con la testa. Comunque questo caro imam può ritornare a casa sua. E chiudere la moschea abusiva. Perchè in Italia chi è abusivo si vede arrivare i NAS e si prende anche una bella multa oltre che a chiudere quel luogo. C’è da ricordare, poi, che gli americani, allora, dovrebbero eliminare i dollari, visto che sulla carta moneta sta scritto “In God we trust”. Allora chi è laico non dovrebbe mai andare negli USA.
      Ma io proprio non capuisco. Se non credete in Gesù allora del crocefisso o di altri simboli voi ve ne fregasse l’esistenza. Se vi da fastidio allora è come dare importanza a tali simboli. E la maggior parte degli Italiani credono in Cristo e mi rincuora che un uomo ci creda perchè rafforza la mia stima, in quanto più credibile nella sincerità. I musulmani si dicono credenti ma alla faccia del Corano bevono a tutto spiano, sono bugiardi (almeno buona parte, e inaffidabili). Lo dico per esperienze personali.

Lascia un commento