Cassazione dà ragione a Salvini: pakistani e africani non sono profughi, inventano finte storie di persecuzioni

Condividi!

Le domande di «protezione internazionale e umanitaria» con pretesti inverosimili erano già state bocciate dai giudici di Torino, ma loro, a spese nostre, per rimanere in Italia a farsi mantenere sono arrivati fino alla Cassazione, che ha bollato come «inverosimili, vaghi e superficiali» i ricorsi presentati dagli immigrati. Dando ragione a Salvini.

VERIFICA LA NOTIZIA

E’ un sistema ridicolo e farraginoso che permette la permanenza per anni di richiedenti asilo che non hanno alcun diritto di stare in Italia, basta (bastava visto che i decreti Salvini hanno messo fine ai ricorsi a spese dei contribuenti) un avvocato delle coop e i ricorsi bloccano l’espulsione.

Anni per scoprire che i pakistani non hanno diritto di stare in Italia. La prima sezione civile della Corte Suprema ha rigettato, o dichiarato inammissibile, almeno una decina di richieste negli ultimi due mesi. «L’attendibilità della narrazione — si legge nelle ordinanze — svolge un ruolo rilevante in relazione alla valutazione della sussistenza nei presupposti della protezione umanitaria. Il giudizio sulla fondatezza delle domande di protezione non può essere disgiunto da una preliminare valutazione della credibilità soggettiva» di chi chiede asilo nel nostro Paese.

Ma come è possibile leggere nei provvedimenti depositati negli ultimi sessanta giorni, i richiedenti «protezione umanitaria» hanno sempre «narrato vicende» che i giudici hanno ritenuto «inverosimili».

Come quella del nigeriano che sarebbe rimasto «vittima della violenza della matrigna, causata da un banale episodio di danno patrimoniale determinato dalla perdita di combustibile di cui la donna era commerciante».

O come la storia descritta da un altro nigeriano, «ingiustamente accusato dal padre di aver ucciso la madre e dalla polizia di aver assassinato un amico»: l’uomo «dichiarava di temere, in caso di rientro in Patria, sia la ritorsione del genitore sia il fatto di essere imprigionato e condannato per l’omicidio dell’amico».

Ma c’è anche chi si è limitato a denunciare «genericamente» che il proprio Paese «versa in una situazione di complessivo degrado sociale» e che è in atto «una violazione dei diritti dell’uomo», come ha fatto un cittadino del Bangladesh.

Un giovane pakistano, invece, aveva chiesto «il riconoscimento della protezione internazionale e umanitaria» per aver commesso un omicidio insieme con il fratello e per essere poi fuggito «lasciando i suoi prossimi congiunti nel luogo di origine, esposti alla rappresaglia della famiglia rivale (quella del presunto ucciso)». «La narrazione dei fatti — si legge nell’ordinanza che ha dichiarato inammissibile il ricorso del ragazzo di Islamabad— è del tutto non credibile e assolutamente inverosimile».

Il maliano e la violazione dei diritti fondamentali – E non risulta credibile neppure il maliano costretto a fuggire dallo Stato dell’Africa occidentale a causa della «significativa compromissione dei diritti fondamentali inviolabili»: per la Corte Suprema, infatti, «il Mali non è caratterizzato da una situazione di violenza indiscriminata».

«Non credibile, vaga, superficiale e contraddittoria» è anche la vicenda narrata da un senegalese che aveva denunciato «mere liti familiari»: per i giudici, «l’inattendibilità del racconto evidenzia la carenza di ragioni umanitarie da porre a fondamento del riconoscimento della protezione in parola».

Infine c’è chi arriva dal Gabon ed è perseguitato per aver aderito a «un partito politico di opposizione, finendo anche in carcere», e poi a «quello di maggioranza e di governo, per convenienza». Un cambio di casacca che a qualcuno non è piaciuto.

Sono sentenze che smentiscono i deliri delle toghe rosse. Ora il governo del ribaltone che Pd-M5s vogliono formare metterebbe tutto a rischio, tornando ai pakistani e nigeriani in hotel. Vanno fermati, con ogni mezzo.




3 pensieri su “Cassazione dà ragione a Salvini: pakistani e africani non sono profughi, inventano finte storie di persecuzioni”

  1. Ma sapete perché tutto questo avviene, Cioé gli inverosimili inventati motivazioni che questi elencano? Il perché é che hanno ben capito con che tipo di rincoglioniti idioti hanno a che fare, hanno ben capito che le Autorità Italiane ( e non solo ) sono un branco di opportunisti che pensano ai propri vantaggi e non al bene collettivo del paese, sono un branco di vigliacchi bastardi traditori e ogni cittadino ha il dovere di scovare e neutralizzare i traditori della Nazione, in qualsiasi modo con ogni mezzo, questo é scritto nella Costituzione Italiana; ogni Cittadino é al servizio della Patria ed ha il dovere di difenderla

  2. La sentenza è stata equa o meglio sibillina per certi versi. Leggendo il virgolettato mi par di intendere che il magistrato deleghi ad altri suoi colleghi il disturbo di disquisire caso per caso, perché uno potrebbe beneficiare, l’altro no. In questo caso avremo comunque una miriade di fascicoli dedicati ai babbuini. Che siano in grande maggioranza avanzi di galera glielo leggi sul muso, non è il caso di chiedere info al paese di origine. Si potrebbe eseguire le pene capitali dei rei e poi a spese dei parenti rinviarli già giustiziati, questo si snellirebbe le pratiche.

  3. Finalmente qualcun incomincia ad aprire gli occhi e le orecchie su tutte la fandonie dette da questi parassiti,i quali,avallati dai sinistroidi,ne inventano tante pur di rimanere nel paese di bengodi a totale spesa degli onesti contribuenti italiani.

Lascia un commento