Immigrato nato in Italia spacca la testa a italiano a bastonate

Condividi!

Ha aggredito due coniugi a colpi di bastone, senza motivo, ferendoli. E’ accaduto in stazione a Maddaloni, Caserta.

L’immigrato, un 24enne maghrebino nato in Italia (subito ius soli), ha dato in escandescenze seminando il panico e molestando i passanti.

Immigrato spacca la testa a italiano a bastonate

Le conseguenze peggiori le ha subite un 58enne del posto, centrato da una brutale manganellata alla testa che gli ha praticamente spaccato la testa, provocandogli una ferita con copiosa perdita di sangue.

L’africano è scappato ma è stato bloccato poco dopo dai carabinieri. L’uomo invece è stato trasportato in ospedale dove è stato ricucito con diversi punti.




8 pensieri su “Immigrato nato in Italia spacca la testa a italiano a bastonate”

  1. Ancora non ci si vuol mettere in testa che questa gentaglia sono completamente differenti da noi, e finiamola per l amor di Dio a voler fare per forza i buonisti e anzi dico un altra cosa; tutti i politici e non solo i politici che agiscono nel modo dove ; accogliamo tutti, questi non fanno gli interessi della Nazione e ognuno di noi Italiani che teniamo a cuore gli interessi del Paese siamo dovuti anzi abbiamo il dovere di perseguire tutti coloro vogliono il male della Nazione, ognuno di noi deve combattere coloro non fanno l interesse del Paese con tutti i mezzi a disposizione.

  2. Chiunque fosse o gia’ molto vecchio edcormai solo, o molto sofferente per una malattia cronica senza nessuno da assistere, o pensasse per qialsiasi ragione di farla finita, se ateo o meglio amcora se credente ma convinto dell’esiatenza di un Dio biono e guerriero, valuti bene come terminate i suoi giorni su questa terra. Solo la lotta individuale e segreta puo’ dare i suoi frutti. Traini e Torrant sono troppo giovani, noi vecchi abbiamo il dovere di agire. Dopo i 70, 75 anni ma che mi fanno le toghe rosse? I vecchi devono diventare il braccio armato della rivolta. L’armi qua l’armi combattero’ sol io!

Lascia un commento