Gli affari di OpenArms: contratto da 2 milioni di euro per traghettare clandestini

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Alla fine la nave catalana Open Arms ha scaricato la sua preziosa merce dove voleva, in Italia. Lo ha fatto per l’azione di una gang di traditori, Conte, Trenta e Toninelli sostenuti dalla solita toga rossa Patronaggio.

Open Arms non è una semplice ong. E’ qualcosa di diverso. Come ricorda l’ammiraglio De Felice:

“Open Arms non è una ONG, è una base operativa dell’estrema sinistra, in collusione con le grandi multinazionali e con le banche. Quando attaccano l’Italia attaccano, in realtà, la sovranità, l’identità e la convivenza in Europa. I migranti sono la loro mercanzia politica, niente di più”.

Ci troviamo in presenza, come nel caso di altre ong come Sea Watch, di entità politiche che usano i clandestini come arma di ricatto per operazioni meramente politiche. E di destabilizzazione. E’ terrorismo con altri mezzi.

E non è un caso che arrivino da Germania e Catalogna.

Òscar Camps, fondatore della Ong Proactiva Open Arms, è un personaggio da un oscuro passato. Anni fa ha avuto vertenze e scioperi a oltranza da parte dei suoi dipendenti per condizioni di lavoro antisindacali, con orari da schiavi e licenziamenti senza giusta causa.

Ma quello che a noi più interessa è il ramo commerciale dell’Ong, una vera e propria macchina da soldi tra magliette e altri gadget, con una contabilità piuttosto opaca.

Quando la sua azienda – perché di questo si tratta – si chiamava Proactiva Serveis Aquàtics e gestiva i soccorsi sulle coste spagnole, l’attivista di Barcellona ha dovuto fare i conti con 80 suoi dipendenti che hanno scioperato a oltranza per condizioni di lavoro: perché sono dipendenti, non volontari.

“Proactiva è un incubo, non parlano al lavoratore, impongono orari inaccettabili e le condizioni di lavoro sono pessime, i soccorritori vanno oltre le 1.750 ore annuali che l’accordo stabilisce e, ricordiamo, noi salviamo vite”, denunciarono i lavoratori nel 2016.

Camps, intanto, diventava milionario e raccoglieva premi e riconoscimenti, appoggiato da quel mondo catalano che ruota anche intorno al Barca (vedi Guardiola), il tutto con la “benedizione” di Ada Colau.

Il sindaco di Barcellona fu decisiva nel fare avere a Camps un contratto per le operazioni di soccorso dal valore di 2,13 milioni all’anno, il più redditizio di tutta la Spagna.

In pratica, il governo spagnolo gli aveva appaltato i ‘salvataggi’ dei clandestini che tentavano di raggiungere la Spagna.

Camps gestisce personalmente le questioni amministrative della sua azienda, firmando di suo pugno contratti e licenziamenti. E a tal proposito, nel 2015, la sua azienda è stata condannata dalla Corte Superiore di Giustizia delle Isole Baleari (Tsjb) per cinque licenziamenti ingiusti. Nell’isola di Ibiza, i dipendenti di Camps all’epoca hanno riferito di aver lavorato per Proactiva “senza personale sanitario“, lamentando diverse irregolarità, anche amministrative.

Quando poi il contratto è scaduto, Camps ha fatto rotta per Lesbo cercando, come una multinazionale qualsiasi, di prendersi il business dei traghettamenti dalla Turchia alla Grecia.

Poi, improvvisamente, ha deciso di venire a farlo in Italia. Chi ti finanzia, Oscar?

Qualcuno potrebbe azzardare l’ipotesi che facoltosi personaggi abbiano offerto di più. Ovviamente non noi, perché tutti sappiamo che le Ong lo fanno solo e soltanto per salvare vite.

E l’Italia aveva tutto il diritto di respingere la nave. Non solo morale e politico, diritti che poi discendono dalla volontà popolare e che non hanno bisogno di vidimazioni internazionali, ma anche per le leggi del mare:

https://www.facebook.com/forzearmateitalianeffaa/videos/2659708174042158/




Lascia un commento