Toninelli apre porto Lampedusa: arrivo tunisini ritarda sbarco OpenArms

Condividi!

Il soccorso di 47 tunisini in difficoltà sta causando un lieve ritardo per le operazioni di sbarco degli 83 migranti a bordo della Open Arms. La Guardia costiera di Toninelli è impegnata al trasbordo dei maghrebini e subito dopo sarà dato il via allo sbarco dei clandestini sulla ong spagnola.

VERIFICA LA NOTIZIA

E’ solo l’inizio se arriva il Pd al governo. I tunisini sono ‘gestibili’, visto che vengono espulsi in pochi giorni. Ma in questi mesi di governo, l’ala grillina non è stata in grado con i suoi ministri di imporre alla Tunisia il blocco delle partenze. Né la Trenta è stata in grado di utilizzare le navi militari per questo.

L’unico ad opporsi agli sbarchi, con risultati straordinari, è stato Salvini. Altrimenti oggi non avremmo 4mila sbarchi dall’inizio dell’anno, ma 100mila come nel 2017. E anche in questo agosto di ong e tunisini, siamo a poco più di 600 rispetto ai 1.500 dello scorso anno, significa che il lavoro di Salvini continua a produrre risultati.

Per questo dobbiamo andare al voto. Costi quello che costi.

Intanto Salvini è al Viminale tentando di convincere i disadattati del M5s a caricare i clandestini di Open Arms su navi militari italiane perché vadano in Spagna. Ma loro non hanno voluto farlo, in questi giorni, quindi non lo faranno nemmeno oggi.




3 pensieri su “Toninelli apre porto Lampedusa: arrivo tunisini ritarda sbarco OpenArms”

Lascia un commento