Prete e sindaco anti-clandestini sotto scorta: violenza rossa da Sora a Ventimiglia

Condividi!

Gli immigrazionisti sono gli individui più violenti e cattivi della società. Odiano, nel senso più primitivo del termine.

VERIFICA LA NOTIZIA

Mentre a Sora il parroco anti-clandestini, don Piacentini, è costretto a girare scortato dei carabinieri, a causa delle aggressioni degli estremisti di sinistra, a Ventimiglia minacciano di morte il sindaco.

Un manifesto funebre per la ‘morte’ del sindaco di Ventimiglia Gaetano Scullino, già oggetto di minacce nei giorni scorsi per la vicenda della ‘fontanella dei migranti’ è stato trovato affisso stamani nei pressi del mercato ortofrutticolo di Ventimiglia.

Un solo manifesto con il quale si annuncia la morte del primo cittadino che gli investigatori ritengono collegato alla polemica sulla chiusura di una fontanella di cui si servivano anche alcuni migranti per bere e lavarsi. Il manifesto è stato staccato e preso dalla Digos della questura di Imperia. La polizia sta analizzando i filmati delle telecamere cittadine per trovare tracce della persona che ha affisso il manifesto.

Sono una piccola minoranza. E impongono la loro follia attraverso l’uso distorto dei media. E ora vogliono anche governare.

E’ tempo che la maggioranza non solo parli, ma che usi anche una giusta e amorevole violenza.




Un pensiero su “Prete e sindaco anti-clandestini sotto scorta: violenza rossa da Sora a Ventimiglia”

Lascia un commento