Trenta getta la maschera: riaprire i porti con il Pd

Condividi!

Trenta è un Boldrini maschio.

“Con il leader della Lega mai più. Chi
ha tradito una volta è pronto a rifar-
lo”. Così la ministra della Difesa,
Trenta,in una intervista a “La Stampa”.
La politica dei porti chiusi? “Non fun-
ziona, serve semmai più Europa”, dice
la ministra, convinta che “quella della
Lega sia una porta che non vada riaper-
ta”.

“Qualsiasi governo arriverà dovrà pun-
tare i piedi e al tempo stesso collabo-
rare con l’Europa”. Secondo Trenta oc-
corre evitare di “creare attriti tra le
fasce più deboli della popolazione”.

La Trenta, ora anche detta ‘Ventinove’:

Non brilla certo per profondità di pensiero. Definire ‘traditore’ chi ha firmato un contratto di governo e dopo essersi reso conto che l’altro contraente non lo rispetta non fa un ribaltone, ma chiede elezioni perché il sovrano – il popolo – decida, è vergognoso. Traditore è chi dà il culo indifferentemente a destra e sinistra. Prima a chi chiude i porti e poi a chi vuole riaprirli. Questo è tradimento.

https://mobile.twitter.com/matteosalvinimi/status/1162998421546053632




2 pensieri su “Trenta getta la maschera: riaprire i porti con il Pd”

  1. Meno male che erano contro l’establishment e contro il PD meno elle. Questo se lo scriveva Soros era lo stesso. E la cosa che mi fa più ridere è che essendo degli sprovveduti la stecca che hanno preso è meno della metà di quella degli altri.

  2. A proposito di indossare maschere…con la scusa del cinquantenario di Woodstock la rai sta mostrando ad ogni ora i filmati dell’epoca. Nel 68 i capelloni non erano ben visti dalla gente comune, si facevano di brutto, i più puzzavano, a quei tempi si utilizzava un patchouly fortissimo, alcolico-resinoso, purtroppo ora introvabile, che lasciava la scia e si appiccicava a qualsiasi oggetto tu toccassi.
    Comunque la peace and love sembra ora molto apprezzata dalla dittatura. Temo che sia per il motivo della promiscuità che in America o in Inghilterra si respirava, mostrano con orgoglio bianchi e negri insieme e a giudicare dal lavoro dei magistrati un ritorno del brown sugar non sarebbe un cattivo auspicio. Lauti guadagni per tutti loro, spacciatori africani compresi ed il popolo, bello inebetito, esattamente come allora. Quando ci sono dissensi l’eroina sistema le cose.

Lascia un commento