Sardegna, locali se ne vanno sostituiti dai pakistani: giornale esulta

Condividi!

Le ‘belle’ storie dei giornali di sinistra:

I locali etnici sono tumori. Non portano ricchezza e attraggono altri immigrati, visto che certo non assumono italiani, altrimenti non potrebbe fare concorrenza sleale con pakistani a basso costo.

E’ ridicolo che un pizzaiolo pakistano possa anche solo chiedere il famigerato ‘ricongiungimento familiare’ in una terra di emigrazione come la Sardegna.

A botte di ‘4 figli’ ci sostituiranno. E’ così che arrivano oltre 200mila afroislamici ogni giorno.




10 pensieri su “Sardegna, locali se ne vanno sostituiti dai pakistani: giornale esulta”

  1. La notizia di cui vi parlo ora ha in comune con quella sopracitata la grande vergogna di una società in ginocchio che aspetta il colpo di grazia e nemmeno in senso tanto figurato! In olanda è stata varata la legge della “vita che giunge a compimento” che non è la versione Svizzera, ossia uno che sta morendo accelera il processo, no. Qua si tratta di una legge che permette ad una persona di qualsiasi età, in perfetta salute fisica, psichica ho seri dubbi, di farsi sopprimere.
    Di qua, al fatto che dopo una certa età dovremo farci “suicidare” il passo davvero un battito di ciglia. Anni fa avevo visto un film che trattava questo argomento. Tutti gli anziani di circa 70 anni andavano in un luogo dove avveniva l’omicidio di stato, naturalmente non erano conserzienti. Ora c’è da chiedersi se il regista/autore fosse un geniaccio col potere della divinazione o se questi assassini si siano ispirati direttamente all’opera. Resta la pericolosità di questi individui.
    p.s. le pensioni se proprio non ce le volete dare possiamo farne a meno eh.

  2. Grazie per l’imbeccata Galerius, era proprio questo. Sono andata su youtube per vedere qualche breve spezzone ed ho riconosciuto la struttura quasi in stile modernista. C’era anche il grande Ugo, questo lo avevo dimenticato, un film degli anni 70′.

Lascia un commento