Open Arms, ong si era inventata tutto: malati erano sani e minori erano adulti

Condividi!

Piccolo assaggio di governo Pd-M5s a Lampedusa, sul caso Open Arms. Prima lo sbarco di 13 clandestini ‘malati’, poi rivelatisi sani come pesci:

Medico svela la truffa di Open Arms: “malati sbarcati stavano tutti bene”

Cosa che ha fatto andare fuori di testa il complesso politico-mediatico che tifa invasione. Tanto da portare il solito Patronaggio ad indagare, non il suo predecessore, Bartolo il piddino, che vidimava tutte le patologie riscontrate da medici evidentemente compiacenti a bordo, ma l’attuale responsabile del poliambulatorio di Lampedusa.

Avere svelato la truffa di Open Arms e dei medici del Vaticano, con sbarco di clandestini malati che stavano bene, è costato infatti Francesco Cascio, responsabile del poliambulatorio di Lampedusa, un interrogatorio da parte degli inquirenti.

“In questa polemica c’è qualcosa che non quadra”, ha detto il medico all’Adnkronos, “Poi se vogliono dire che sono stato cuffariano facciano pure, non mi importa. Ma i fatti sono quelli. Ho avuto di peggio nella mia vita… Queste polemiche sui referti medici delle persone visitate fanno semplicemente vomitare. Non riesco a capire come nasce. La mia unica colpa quale sarebbe? Quella di avere fatto politica? Io ormai sono fuori dalla politica, da anni, e faccio il medico”.

Per Cascio è “da pazzi” pensare che abbia voluto solo “fare una marchetta a Salvini”. “Io sono un medico, innanzitutto, e parlo con i referti”, si sfoga, “Se su tredici migranti visitati, che secondo alcuni medici Cisom erano gravi, solo una giovane aveva una otite, cosa posso farci io? Mica posso inventare malattie che non esistono”. Lui non è Bartolo.

“Uno ha una anzianità di oltre 40 anni. Sapevo che c’era una ragazza con una emorragia vaginale, ma l’emoglobina era a 11,3, quasi migliore della mia”.

Il dottore ci tiene a sottolineare di non conoscere la reale situazione a bordo della nave, ma che al poliambulatorio che dirige sono stati visitati solo i 13 migranti sbarcati. Quelli che – secondo i medici dell’ordine di Malta (Vaticano) e di Emergency – erano così gravi da non poter restare ancora a bordo della Open Arms. “È forse qualcosa che possa avere indirizzato io?”, ribadisce però, “Se qualche cretino pensa che io possa fare certificare a medici referti fasulli non posso farci niente. Io non ho più le energie, è diventato imbarazzante. È colpa mia se stavano bene? Ma ribadisco che non l’ho certificato io ma due medici di cui uno con 40 anni di attività di Pronto soccorso”.

C’è il Vaticano dietro lo sbarco dei falsi malati da Open Arms

E’ strano che fino a ieri ci fosse comunanza di diagnosi tra i medici arruolati dalle ong e il poliambulatorio di Lampedusa. Ah già, a guidarlo c’era Bartolo, l’attuale europarlamentare del PD. E lui, Patronaggio non lo indagava.

Questi sono i medici che creano i clandestini malati:

Oggi, invece, lo sbarco di 27 cosiddetti minori, su imposizione dell’attuale premier Conte:

Anche in questo caso si è scoperto essere tutta una farsa. I minorenni non esistevano:

Open Arms, smascherati minori sbarcati: sono maggiorenni

Otto di loro nemmeno hanno provato a fingersi tali con la polizia. Per gli altri saranno le analisi a rivelare il trucco. L’ong si era inventata tutto.

Ecco alcuni dei 27 presunti minori – 16 o 17 anni secono l’ong – che il M5s e Conte hanno fatto sbarcare oggi dalla nave dei trafficanti umanitari di Open Arms:

Si sono dimenticati di fare loro la barba.

Insomma, qui abbiamo un’organizzazione criminale spagnola che preleva clandestini in Libia su appuntamento. Che si rifiuta di riportarli indietro o di sbarcarli in Tunisia. Che poi rifiuta lo sbarco a Malta di 39 di loro e punta, ossessivamente, verso l’Italia.

Che poi simula patologie a bordo con finte ferite da arma da fuoco e trucca l’età degli ospiti. Tutto con il preciso obiettivo di scaricarli in Italia.

Ma la procura di Agrigento indaga Salvini. Il Tar dà ragione a loro. I grillini e Conte si schierano con loro. E’ tempo di una grande rivolta sovranista.




6 pensieri su “Open Arms, ong si era inventata tutto: malati erano sani e minori erano adulti”

  1. Preparati alla rivolta sovranista di stampo Salvinian-Andreottiano: perchè escludere quando si può “Includere”? Nel prossimo governo all’opposizione solo la Meloni, con Salvini che non stacca il culo dalla poltrona e incolpa gli altri della finanziaria lacrime e sangue. E poi, forse ma solo forse, voteremo.
    Meglio che ci sia qualcuno che controlla, mossa politica di una certa “pelosità”.
    Il personaggio si conferma poliedrico, il vero erede di Craxi.

    1. Ricordare le scritte sui muri degli anni ’80 meriterebbe due serate su RAI 1. I “Kossiga” con la doppia runa o i “Craxi Benito” con la x trasformata in svastica erano veramente esileranti.

      Karabinieri aSSaSSini.

      1. Mi sa che “Kossiga” già lo scrivevano nei ’70. Ma nei ’70 mi ricordo molto più smog e astio, più qualche sognatore che scriveva “Dio c’è” e qualche femminista che ce l’aveva col fidanzato (Lo sperma inquina, digli di smettere).

  2. Dopo la legge emanata dalla UE riguardante la paternità delle notizie che non possono essere divulgate da altri, in tal modo non potremo disquisire su nulla, un altro bavaglio è stato architettato a spese nostre. Si tratta del “diritto all’oblio” per chi, come me sino a 10 minuti fa, non ne sapesse nulla ecco di cosa si tratta…
    Un delinquente assassino esce di galera dopo aver scontato un intero mese in carcere così avendo pagato il suo debito con la società diventa pulito. Non si può più menzionare la sua storia a meno che non vogliate essere denunciati. Col diritto all’oblio anche chi vorrebbe fare accertamenti su chi si mette in casa/attività si troverà un muro di gomma. La fedina penale non esisterà più.
    Un altro aiuto a gli assassini, mi chiedo se non convenga diventare uno di loro.

    1. Il diritto è derogabile a fini di ricerca scientifica, storica o statistica. (art. 21.6). Inoltre, se per caso hai firmato diversi accordi di licenza tipo quelli di Microsoft o Jewgle, tutti i dati in loro possesso restano a loro disposizione.
      La rete non ha oblio.

  3. Ora vado ad approfondire il codicillo, tuttavia da quel che hai postato direi che i potenti possono sapere tutto di tutti, mentre il privato mister nessuno, non può sapere chi assume. Credo che questa storia sia cominciata parecchi anni fa con la legge sulla privacy, per poi stringere la corda sempre più. Non vivo bene i divieti caratterialmente, temo che porteranno al punto che non si potrà disquisire tra noi su nulla.

Lascia un commento