Il M5s vuole ‘dimettere’ Salvini per riaprire i porti alle Ong

Condividi!

“Salvini ha fatto cadere il governo e pretende ancora di fare il ministro. Parla da ministro, ma per conto di chi e di cosa se ha detto che vuole sfiduciare il governo? Si dimetta se ha un briciolo di coerenza”. Così fonti M5S dopo le vicende di oggi sul caso Open Arms.

Il governo si dimette tutto insieme, non è che Salvini ha scritto ‘Di Maio’ sulla fronte.

Ma questi del M5s stanno sottovalutando la situazione. Credono che la politica si riduca a giochi di palazzo in cui si può allegramente cambiare partner di governo come si fosse in un baccanale. Non funziona così. Non pensate nemmeno per un istante di poterlo fare e poi girare per il Paese tranquilli e beati: vi dovreste rinchiudere nel bunker.

Dopo Salvini è tutto cambiato. Prima, gli italiani poco informati pensavano realmente che l’immigrazione non fosse possibile bloccarla: Salvini ha mostrato loro che è possibile, e non è nemmeno così complicato. Che la si potrebbe anche azzerare, con un governo monocolore leghista.

E pensate, voi, che, dopo tutto questo, tollererebbero un piddino al Viminale? Un vostro governo che riapre i porti? Voi siete folli.

Si scatenerebbe nel Paese una furia che avrebbe espressioni di periodica violenza. Quello italiano è un popolo violento, lo sa chi conosce un po’ di Storia. E lo è particolarmente quando sente la propria esistenza messa a rischio.

Renzi, D’Alema e le varie prostitute della politica di palazzo italiana parlano di governi non eletti, come se il popolo non esistesse. Ma il popolo esiste.

Non è più il 2011. Sono accadute troppe cose. Non farete un governo dei porti aperti senza colpo ferire. Se davvero pensate di mettere all’opposizione la stragrande maggioranza degli italiani, vi accorgerete del vostro errore. E non sarà un bel giorno.




6 pensieri su “Il M5s vuole ‘dimettere’ Salvini per riaprire i porti alle Ong”

  1. Gli M5S mi sono sempre sembrati un corpo estraneo, non a caso il ministro della difesa che non vuole difendere il Paese è una di loro.
    Il Popolo è con Salvini.
    Il corso della Storia ha prodotto una contingenza tale da richiedere che il Ministro Salvini assuma poteri straordinari per risanare la situazione.
    Chi vuole l’immigrazione è già condannato.

  2. Che Salvini non sia un grande stratega lo abbiamo intuito da tempo, ma la questione di lasciare una poltrona importante come la difesa ad una donna 5s mi pare voluta, in modo da avere un prezioso alibi nel momento in cui ci sia bisogno di un intervento militare. Purtroppo i dubbi sulla lealtà di Salvini rimangono, non riesco a credere che sia così babbo.

Lascia un commento