La RAI megafono delle menzogne di Open Arms

Condividi!

Ora sappiamo da un medico indipendente, che Open Arms aveva mentito:

Medico svela la truffa di Open Arms: “malati sbarcati stavano tutti bene”

E che dietro ci sono medici presunti riconducibili al Vaticano:

C’è il Vaticano dietro lo sbarco dei falsi malati da Open Arms

Pensate quante menzogne ci venivano raccontate, quando, per anni, ad essere a campo del poliambulatorio di Lampedusa c’era Bartolo, il medico del PD oggi europarlamentare.




Un pensiero su “La RAI megafono delle menzogne di Open Arms”

  1. Ma non solo i canali rai, tutte indistintamente fanno pubblicità vergognose, prediamo un prodotto a caso “naturasí” ti mostra una donna bianca all’ottavo mese di gravidanza con un negro che le posa una mano sulla pancia ed è un simbolo di potere, di possesso. Ci vuole un governo che vieti certe oscenità, e così films e tutto il resto. Vengono davvero i conati. Poi intorno all’ora di cena incominciano: pannolini, pannoloni, dentiere, c’è una che sputa sangue nel lavandino e ti fanno vedere lo sputo!!! Ci hanno tolto tutto, il buon gusto, il bon ton, le nostre regole di vita!
    Altra questione e forse la più importante: le ong che si fanno pubblicità per ricevere lasciti. Gravissima questione che il ministro degli interni deve risolvere subito. Non parlo per me che non aspetto nessuna eredità, ma i denari devono rimanere in famiglia. Non si può permettere a questi rimbambiti di gabbare sorelle, nipoti, sangue del loro sangue e lasciare ai negri di merda ingenti patrimoni.
    Bisogna ritornare ai censori, quelli del governo in carica si intende. La tv di stato deve passare automaticamente a chi comanda e seguire quella linea politica. Non esiste che la tv di stato faccia propaganda agli avversari demolendo l’efficacia e la credibilità (soprattutto) di chi lavora scelto dai cittadini. Poi come dice Salvini, a livello di scelte sessuali, nel privato facciano come vogliono, ma io certe cose non le voglio vedere.

Lascia un commento