M5s e PD vogliono trasformare l’Italia nel campo profughi d’Europa

Condividi!

C’è un disegno per tornare indietro ed aprire i porti italiani, per trasformare il nostro paese nel campo profughi d’Europa. Ma io non torno indietro“.Salvini.

Ieri abbiamo avuto un assaggio di governo M5s-PD. Di cosa sarebbe un governo di quel tipo. La sinistra che non ha mai vinto un elezione in questo secolo, vuole tornare a rifornire la coop di clienti a 35 euro al giorno.

La sola possibilità di liberarsi dell’unica cosa che separa l’Italia dall’invasione afroislamica, Salvini, ha fatto scatenare toghe rosse e grillini.

Un oscuro giudice del Tar del Lazio ha sospeso il divieto di ingresso in acque italiane, di una nave spagnola che si trovava in acque internazionali. E che aveva prelevato clandestini in Libia.

Nel frattempo Conte scrive a Salvini chiedendo lo sbarco dei sedicenti minori a bordo. Alla risposta negativa, il ministro Trenta inviava – anche se non ci sono ancora conferme precise – navi militari. Un tradimento del contratto elettorale e del voto degli italiani.

I grillini senza Salvini sono questo. Se non si vota e vanno al governo col PD, riapriranno i porti. Sarà droga libera. Sarà la ripresa degli sbarchi a botte di migliaia al giorno. E sarà Ius Soli.

Per questo è essenziale prepararsi a qualcosa di post-politico. Gli italiani non possono essere ostaggi di un Parlamento di peripatetiche incollate alla poltrona.

La sovranità appartiene al popolo. Non è di Di Maio. Non è di Grillo. Non è di Renzi. E non è nemmeno di Mattarella.

E se non ce la date, ce la prenderemo lo stesso. In un modo, o nell’altro. Vi conviene in un modo.

Perché se non ce la prendiamo, altri 4 anni di Pd, con un altro milione di clandestini, cancelleranno l’Italia. E questo, noi non lo possiamo e non lo vogliamo permettere.




3 pensieri su “M5s e PD vogliono trasformare l’Italia nel campo profughi d’Europa”

  1. Assolutamente, se M5S, PD e LeU formeranno un nuovo governo, saremo nella m**da più totale! E la cosa più drammatica è che si tratta dello scenario più probabile qualora verrà ufficializzata la caduta dell’attuale governo, perché parliamoci chiaro, ai pentastellati non conviene andare a elezioni anticipate, perché dal 32% dello scorso anno, prenderanno una percentuale di consensi nettamente inferiore, e molti dei loro attuali parlamentari non verrebbero più rieletti. Questo è il “partito dell’onestà”, che come vediamo è legato alle poltrone al pari dei vari partiti tradizionali.

Lascia un commento