Ha vinto Orban: Coca-Cola ritira pubblicità gay

Condividi!

Ha vinto Orban. La Coca-Cola ha ritirato dall’Ungheria la propria pubblicità LGBT, compreso il cartello pubblicitario a tema #loveislove?

Un esponente del partito populista Fidesz di Viktor Orbán aveva iniziato una campagna su Facebook che invitava la popolazione ungherese a boicottare la multinazionale statunitense, fino a quando le insegne pubblicitarie non fossero state tolte. Anche un’associazione locale dell’organizzazione CitizenGo aveva lanciato una petizione con lo stesso scopo, raggiungendo in poco tempo decine di migliaia di firme.

E’ la dimostrazione che la propaganda può essere sconfitta. Le multinazionali, ormai, utilizzano il proprio immenso potere finanziario per instillare nelle nostre società qualunque idea che le indebolisca, perché l’obiettivo è destrutturarle in modo da creare la società globalizzata ideale: fluida e senza identità. E lo fanno anche a scapito dei propri interessi finanziari.

Ma, come visto, sono più fragili di quanto si pensi.

Questa notizia e quella del ragazzo polacco che, armato di sola croce ha sfidato una marcia del Gay Pride, ci fanno capire quanto il consumismo sia stato più dannoso del comunismo. Il secondo ha in qualche modo cristallizzato le società dell’Est Europa agli anni ’50.




3 pensieri su “Ha vinto Orban: Coca-Cola ritira pubblicità gay”

  1. Le recensioni di zio Antani: videogioco distopico –
    “Papers, please” di Lucas Pope
    In questo piccolo capolavoro vi troverete nei panni di un ispettore di frontiera di un ipotetico paese del blocco dell’est negli anni ’80. IL vostro compito sarà di decidere chi può e chi non può entrare nel vostro grande paese, Arstotzka (Gloria ad Arstotzka!). Il vostro lavoro inizia il 23 novembre del 1982, giorno della riapertura della frontiera. Vi confronterete con terroristi, trafficanti di uomini, storie tristi ma soprattutto con gli audit implacabili del partito e con la burocrazia tentacolare. Le scelte a vostra disposizione non si fermano all’ambito lavorativo ma riguardano anche la vostra famiglia, il vostro appartamento e il vostro modo di vivere (oggi nonno non mangia perchè sono finiti i soldi).

    Se cercate un gioco con una grafica abbacinante sicuramente non è questo, ma se cercate un gioco coinvolgente a livello emozionale questo è quello che fa per voi.
    Normalmente vi consiglierei di “affittare” il gioco su Pirate Bay, ma in questo caso l’autore è un singolo cristiano e non una schifosa multinazionale piena di “azione affermativa”, quindi spendete questi 8.99€ su Steam se ne avete la possibilità.
    Dello stesso autore anche il fantastico “Return of the Obra Dinn”, giallo ambientato a bordo di un veliero nel diciannovesimo secolo.
    Gloria ad Arstotzka!

  2. E’ questo ciò che fa uno Stato giusto e come si deve, dove la politica ha il primato sull’economia, non come qui da noi in Occidente che avviene l’esatto contrario perché siamo in piena dittatura neoliberista. Comunque, su uno spot della Sprite (gruppo Coca-Cola) ho visto una coppia mista nero-bianca e una coppia omosessuale formata da due maschi bianchi. Cioè se questa non è propaganda razzista anti-bianca, mi si spieghi allora di cosa si tratta.

Lascia un commento