Ocean Viking, a bordo una forza d’invasione afroislamica: *4* donne su 357 clandestini

Condividi!

Nelle foto vi fanno vedere le donne, ma la realtà è un’altra

La nave Ocean Vikings di SOS-Méd e Msf ha terminato la sua prima missione in Libia. In 4 operazioni ha prelevato 356 clandestini.

VERIFICA LA NOTIZIA

La ‘sorpresa’ dai dati diffusi dalla stessa Ong: ci sono solo 4 donne e 3 bambini. Avete letto bene: 4 donne e 3 bambini su 356 clandestini. Una vera e propria forza d’invasione afroislamica. Ci sarebbe, poi, anche un centinaio di cosiddetti ‘minori’. Ovvero i soliti maggiorenni tutti lo stesso giorno dello stesso anno.

Ricordiamo chi le ong ci spacciano per minore:

Ecco che abbiamo la solita ong che traghetta giovani maschi africani sul nostro territorio. Le Ong lavorano, consapevoli o no, per la mafia nigeriana.

E stanno arrivando:




Un pensiero su “Ocean Viking, a bordo una forza d’invasione afroislamica: *4* donne su 357 clandestini”

  1. Fate circolare:
    https://www.silvanademaricommunity.it/2019/08/13/islam/?utm_source=feedburner&utm_medium=email&utm_campaign=Feed%3A+SilvanaDeMariCommunity+%28Silvana+De+Mari+Community%29
    _13 Aug 2019 12_24 PM PDT

    ISLAM

    Silvana De Mari:
    Per questo unico articolo pubblicato su le Figaro, il filosofo e storico francese Robert
    Redeker è stato condannato a morte da una fatwa.
    Dopo il discorso tenuto da Papa
    Benedetto XVI all’Università di Ratisbona sull’islam, innumerevoli Fatwe furono pronunciate
    contro il Papa nel mondo islamico, ma la più terribile fu la Fatwa pronunciata dall’occidente
    pavido e indecente e dai suoi indecenti intellettuali. L’unica voce fu quella di Robert
    Redeker, che pubblicò un unico articolo su Le Figaro. Da allora, per quell’unico articolo
    Robert Redeker vive come un fantasma, ha perso il lavoro, la casa.
    Riporto l’articolo non solo come solidarietà a un uomo coraggioso che dal 2006 vive come
    un fantasma e non è nemmeno potuto andare al funerale del padre, ma perché sottoscrivo
    questo articolo.

Lascia un commento